sabato 3 Giugno 2023
HomeAppuntamentiVasco Rossi live a Napoli, il 7 giugno il Blasco arriva allo...

Vasco Rossi live a Napoli, il 7 giugno il Blasco arriva allo stadio Maradona

Con il claim “finalmente” e dopo due anni di stop forzato, tornano le grandi emozioni e la musica con la tappa napoletana del lungo tour di Vasco Rossi. Dopo l’entusiasmante partenza di Trento e i concerti di Milano, Imola e Firenze, il lungo viaggio musicale nazionale del famoso cantautore organizzato dalla Live Nation, il prossimo 7 giugno farà sosta, grazie alla Fast Forward, artefice della data napoletana, allo Stadio Diego Armando Maradona“Sono in stato di grazia – ha detto Vasco- Ho un diluvio di emozioni indescrivibile! Sembra tutto diverso, eppure è finalmente tornato tutto come prima. Finalmente abbiamo ricominciato a vivere. Questo enorme affetto che mi arriva ancora oggi, dopo 40 anni, mi lascia stupefatto. E si vede che ho seminato bene…Io li amo e loro riescono a superarmi”Ed è con queste premesse che anche allo Stadio Maradona di Fuorigrotta, Vasco ritroverà i suoi fans napoletani insieme ad un entusiasmo alle stelle. Lo show. come sempre, si annuncia potente ed emozionante con l’aggiunta di un clima funky grazie all’arrivo dei fiati. La setlist “della rinascita” è ricca di novità e sorprese. Le canzoni dell’ultimo album ci sono quasi tutte, la prima è “XI comandamento” e l’ultima è la title track “Siamo qui”. Le altre sono distribuite lungo le due ore e mezza di concerto, nelle prime dieci, la hit “La pioggia alla domenica”, qui nella versione originale e il rock della fluida “L’amore l’amore”. Ancora, vi sono le inedite a concerto “Se ti potessi dire” (2020) e “Una canzone d’amore buttata via” (2021) e le perle ripescate dai rutilanti anni ‘80, “Amore aiuto”, Blasco ‘82 doc, un capolavoro d’ironia, mai cantato dal vivo prima (dall’album “Vado al massimo”, 40 anni quest’anno). La giocosa “Ti taglio la gola”, brano cult molto amato (dall’album “Cosa succede in città”, ‘85). “Muoviti”, da “Liberi Liberi”. Una preziosa “Toffee” d’annata con tanto di suggestivo assolo di sax che richiama l’originale di “Cosa succede in città” ‘85, e “Anima fragile” struggente (video elaborato in 3D sugli schermi). Parlando delle ballad e dell’altra faccia del rock, in scaletta pure “Un senso”“Stupendo”“Siamo soli”“Senza parole” (suggestiva la clip che il regista live Pepsy Romanoff ha ideato per i megaschermi: il libro “La versione di Vasco” brucia in reverse, si ricompone dalla cenere perché le parole rimangono). Infine, arriva la leggerezza di “L’uomo più semplice” e “Ti prendo e ti porto via”, fino a giungere nel segno del rock e contro la guerra, ai brani “Tu ce l’hai con me”“C’è chi dice no”, “Gli spari sopra” “Siamo qui”. Per tutti un’esplosione di luci spettacolari, 1.500 i corpi illuminanti e potenza audio da 750.000 watt con una straordinaria band pronta a travolgere il pubblico a chitarre sguainate, formata da Stef Burns, chitarra; Vince Pastano chitarra, cori, direttore musicale; Andrea Torresani, basso; Claudio Golinelli, basso, guest star; Alberto Rocchetti, tastiere, piano, cori; Frank Nemola, cori, tastiere, programmazione; Matt Laug, batteria; Beatrice Antolini, percussioni, tastiere, cori; Andrea Ferrario, sax; Tiziano Bianchi, tromba e Roberto Solimando, trombone. 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Saverio Falco
Saverio Falco
Giovane studente, intraprendente, ricco di fantasia, creativo e gioioso. E' veramente un piacere avere tra noi autori, scrittori, giornalisti, filosofi, ma soprattutto ragazzi come quello odierno: un'anima che ama la cultura in tutte le sue sfaccettature, che trasmette un pensiero legato all'amore puro, dai sentimenti profondi. Nel 2012 fa il suo battesimo con la carta stampata, rivelando all'attenzione di noialtri lo spirito polivalente dell'esistenza. (A cura del poeta GIANNI IANUALE)

Articoli recenti