mercoledì 21 Aprile 2021
HomeCronacaVendevano sui social capi contraffatti, 3 denunciati e 13800 capi sequestrati

Vendevano sui social capi contraffatti, 3 denunciati e 13800 capi sequestrati

Casandrino. Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha sottoposto a
sequestro, presso due depositi di Giugliano in Campania (Napoli) e
Casandrino (Napoli), quasi 13.800 capi di abbigliamento contraffatti e
denunciato 3 responsabili per e-commerce di prodotti con marchi falsi di note
griffes di moda.
L’operazione ha preso le mosse da un’attività info – investigativa condotta dai finanzieri della Compagnia di Giugliano in Campania che, tramite il
monitoraggio delle pagine dei principali social network, hanno scoperto una
rete di vendita on line dei prodotti contraffatti.
Attraverso pedinamenti e appostamenti, le Fiamme Gialle hanno individuato
due depositi adibiti ad outlet gestiti dai tre responsabili.
All’interno sono stati scoperti 13.795 capi d’abbigliamento con brand
contraffatti di noti marchi, quali GUCCI, FENDI, D-SQUARED, PALM ANGEL.
Nei depositi è stata rinvenuta anche documentazione contabile attestante
l’elevato numero di spedizioni degli articoli in tutta Italia.
In particolare, i responsabili dell’illecita attività, esercitata esclusivamente attraverso canali internet, proponevano ad ignari clienti l’acquisto di merce di altissimo valore commerciale, vendendola alla metà del costo indicato sui cartellini che accompagnavano il prodotto, facendo credere agli acquirentiche si trattasse di articoli originali ricevuti a prezzo di realizzo.
L’operazione del Comando Provinciale di Napoli si inquadra nell’ambito della
costante attività della Guardia di Finanza a tutela del Made in Italy,
dell’economia sana e delle imprese oneste, oltre che della salute e dei diritti dei consumatori, e conferma che l’emergenza nazionale causata dal Covid-
19 non ferma la piaga della contraffazione, che ora più che mai sta
approfittando dell’attuale momento di crescita dell’e-commerce e del blocco
del sistema di vendita tradizionale.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti