mercoledì 25 Novembre 2020
Home Politica Vertenza Princes-Mitsubishi, l' appello delle parlamentari del M5s

Vertenza Princes-Mitsubishi, l’ appello delle parlamentari del M5s

PRINCES-MITSUBISHI, M5S: NO AL TRASFERIMENTO, TUTTI FACCIANO PROPRIA PARTE

“Suscita non poche perplessità la condotta di Princes-Mitsubishi che ha deciso di trasferire in tronco 55 dipendenti da Angri a Foggia. Il trasferimento – a cui tutti i dipendenti si sono opposti con fermezza – dovrebbe diventare effettivo dal 1 marzo. Stiamo seguendo da vicino la questione ma i dipendenti denunciano una situazione anomala nei confronti dei rappresentanti dei lavoratori. Il silenzio complice dei sindacati riconosciuti dal contratto collettivo, ovvero Cgil e Cisl, ha portato i lavoratori a rivolgersi al sindacato autonomo, non riconosciuto dall’azienda in quanto non firmatario del contratto collettivo nazionale. Ciò ha spinto i lavoratori rappresentati dal sindacato autonomo, alla denuncia di atteggiamento antisindacale”, dichiarano la Senatrice Luisa Angrisani e la Deputata Virginia Villani del MoVimento 5 Stelle. “Chiediamo dunque all’azienda di trattare con tutti i rappresentanti sindacali e di rinunciare al trasferimento forzato dei dipendenti a Foggia. A rischio vi sono la salute ed il benessere dei lavoratori”.
“Un’azienda che opera come etica e si prefigge di essere il leader etico del settore non può assolutamente prescindere dal garantire la tutela della collettività e dell’individuo al tempo stesso. Nonostante questo però si sta continuando a proseguire sulla strada del trasferimento forzato, in antitesi sia con gli interessi della stessa azienda, che intende materializzare nei suoi prodotti gli obiettivi 2030 delle Nazioni Unite, i principi dell’ETI e più in generale l’approccio delle responsabilità sociali d’impresa sia con la sostenibilità sociale, la vita delle persone e della collettività di cui essi fanno parte. Ribadiamo dunque il nostro forte appello al ‘No’ al trasferimento. La decisione sembra una ignara percezione delle soluzioni tecnologiche e digitali in essere o, peggio ancora, una maturata volontà di licenziare i dipendenti di Angri”, concludono Villani e Angrisani.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Dalla generosità dei mariglianesi 100 tute di biocontenimento e tablet alla protezione civile “La salamandra”

Marigliano. Dall'arte e dalla generosità sono arrivati atti concreti. Accade a Marigliano grazie ad un gruppo nato su Facebook "L'arte per Marigliano" che ha permesso...

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Ecco le iniziative del Comune di S. Gennaro

San Gennaro Vesuviano. Il Comune si "tinge" di rosso per dire "no" alla violenza sulle donne. Ma non soltanto, altre iniziative saranno messe in...

Conferenza fiume Sarno: tra storia ed archeologia, videoconferenza del Rotary

Poggiomarino. Il Rotary Club Poggiomarino Vesuvio Est, nell’ambito del suo impegno per la salvaguardia e la conoscenza del territorio vesuviano, ha organizzato per giovedì...

Sanzionati per essersi spostati in un altro Comune senza motivazione, controlli a San Giuseppe

San Giuseppe Vesuviano. Controlli per verificare il rispetto della zona rossa. Questa mattina la polizia locale di San Giuseppe Vesuviano (agli ordini del tenente...

Sisma Irpinia, Ordine architetti: abbiamo imparato poco o nulla da tragedia

Da «Fate Presto» a «Fate Prima»: è necessaria una prevenzione civile NAPOLI – Alle 19.34 del 23 novembre 1980 la terra tremò per 90 secondi....
- Advertisment -