sabato 24 Settembre 2022
HomePoliticaVideo contro mendicante rom, Scotto denuncia il leghista Di Giulio per "odio...

Video contro mendicante rom, Scotto denuncia il leghista Di Giulio per “odio razziale”

Firenze. Ha destato molto scalpore il video con il quale Alessio Di Giulio, capogruppo Lega Firenze, ha discriminato una rom per propaganda elettorale in vista delle elezioni del 25 settembre. Il leghista però dovrà rispondere di questo gesto dinanzi all’autorità giudiziaria a seguito della denuncia del deputato napoletano Arturo Scotto, coordinatore Art.1 e candidato proprio al collegio plurinominale di Toscana 03 Firenze-Pisa.
Ecco le sue parole sulla sua pagina Facebook:
“Stamattina ho presentato una denuncia formale all’autorita’ giudiziaria presso il commissariato di polizia, sezione San Giovanni, a Firenze.
Dal video appare chiaro ed evidente che il consigliere della Lega Alessio Di Giulio sia inciampato in un reato gravissimo e ignobile, normato dall’articolo 604 bis del Codice Penale.
La norma punisce “chi propaganda idee fondate sulla superiorità e sull’odio razziale o etnico, ovvero istiga a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi”.
Quell’espressione nei confronti della donna della Comunità ROM “il 25 settembre vota Lega: non la rivedranno mai più” rappresenta uno dei punti più inquietanti di questa campagna elettorale.
Io penso che le parole siano importanti e vadano sempre pesate.
E che queste frasi non siano ragazzate.
Sono il segno di una degenerazione del dibattito pubblico pericolosissima: ci vuole poco perché si passi dalle parole ai fatti.
Per queste motivazioni io credo occorra far funzionare la legge: perché l’Italia ha una giurisprudenza chiara che mette al bando qualsiasi forma di razzismo e lo punisce con determinazione ed efficacia.
E la legge resta lo strumento fondamentale per difendere i più deboli e le minoranze”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti