venerdì 25 Giugno 2021
HomeCronacaViolata la statua della Madonna: due revolver pronti all'uso

Violata la statua della Madonna: due revolver pronti all’uso

MARIGLIANO. Due revolver carichi sotto la statua della Madonna all’interno del rione popolare Pontecitra. E a poca distanza un’auto abbandonata rubata ad Arzano.

Ancora armi, ancora luoghi violati dalla criminalità. All’interno di quello che diversi anni fa era il quartier generale dei Mazzarella, clan egemone in particolare nel capoluogo, ma che nelle palazzine di Pontecitra nel Napoletano vi avevano gettato un ponte per estendersi e allargare i loro tentacoli. Armi cariche, pronte a fare fuoco. Pistole  e munizioni nascoste dietro la statua della Madonna. Erano occultate in un lenzuolo bianco tra i vasi di fiori che i residenti vi portano ogni giorno.

Qualche giorno fa i carabinieri della locale stazione nel corso di un controllo fatto con i militari del nucleo operativo e radiomobile di Castello di Cisterna le hanno rinvenute e sequestrate. Si tratta di due revolver calibro 38 con la matricola abrasa ma con i tamburi carichi. Insomma erano state piazzate lì perché di lì a poco sarebbero dovute entrare in azione. Nel quartiere popolare di Pontecitra negli ultimi tempi c’è guerra, si esplodono colpi indirizzati verso persone precise nel quartiere.

Ammonimenti, avvisi. La piazza è per così dire “libera”. A seguito della scarcerazione di diversi elementi appartenenti a varie “famiglie” della mala locale si sta cercando di riprendere il potere per la gestione della piazza di spaccio. Armi, droga, munizioni. Ispezionando, dunque, le diverse parti condominiali dell’insediamento popolare i militari dell’arma hanno scoperto che sotto la statua di una Madonnina, nel lotto 2, c’erano le armi, avvolte in un lenzuolo e nascoste alla vista. Non solo. A poca distanza, 50 metri circa, da quelle armi i carabinieri hanno rinvenuto anche un’auto, una Citroen il cui furto era stato denunciato dal legittimo proprietario ai carabinieri della stazione di Arzano poco più di un mese fa. Le armi sono state inviate al Racis di Roma  (il raggruppamento carabinieri investigazioni scientifiche) per accertare il loro eventuale utilizzo in fatti di sangue o intimidazione. Anche per l’auto proseguono le indagini circa il suo rinvenimento.

di Patrizia Panico

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti