martedì 5 Dicembre 2023
HomeAttualitàViolenza di genere, confronto istruttivo tra istituzioni e studenti all'Istituto "Carmine Russo"...

Violenza di genere, confronto istruttivo tra istituzioni e studenti all’Istituto “Carmine Russo” di Cicciano


CICCIANO. Un confronto istruttivo e mai banale quello che si è tenuto qualche giorno fa presso l’istituto I.P.S.S.E.O.A “Carmine Russo” di Cicciano. Il primo incontro di un ciclo di appuntamenti che fanno parte del progetto itinerario dell’associazione NAC, sui temi della legalità, del contrasto alla violenza di genere e per la prevenzione di ogni forma di violenza, in questo caso ha visto protagonisti l’avvocato Sonia Napolitano presidente proprio dell’associazione NAC, Gabriella Bellini componente della commissione Pari Opportunità dell’Ordine dei giornalisti della Campania e direttore de “La Provincia online”, Nicoletta Ranieri avvocato Associazione NAC- Associazione Donne Vittime di violenza – Sportello Virtuale Vittime Vulnerabili, Carmela De Rosa medico neuropsichiatra dell’età evolutiva, il maggiore Gerardo De Siena comandante della Compagnia dei carabinieri di Nola. Un dialogo con gli studenti, e non una semplice lezione, che è proseguito per tutta la mattinata sotto la egregia direzione della dirigente scolastica Sabrina Capasso e con la conduzione affidata a Diana Volpicelli, docente referente Progetto Legalità. L’obiettivo di tutti era avviare una reciproca collaborazione per mettere in atto un programma preventivo informativo cautelativo del fenomeno. “Partendo dal territorio con una didattica sperimentale si sensibilizzano gli studenti recettori attivi sperando nel contenimento del problema”, hanno spiegato i promotori del convegno e i ragazzi hanno molto apprezzato facendo diverse domande, mai scontate e anzi molto profonde, ai relatori e fermandosi anche dopo che il dibattito era terminato. Un tema caldo che merita sempre tanta attenzione, da tutti i partecipanti è arrivato l’invito a denunciare ogni fenomeno, anche quello che può sembrare più insignificante, per chiedere aiuto agli adulti e non diventare vittime sopraffatte.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche