mercoledì 25 Novembre 2020
Home Attualità Vittime delle Brigate Rosse, oggi impegnati a dare un futuro ai carcerati

Vittime delle Brigate Rosse, oggi impegnati a dare un futuro ai carcerati

SOMMA VESUVIANA – Gli chef che arriveranno a Somma Vesuviana sabato mattina hanno una storia speciale alle spalle: da vittime della violenza delle Brigate Rosse al volontariato in carcere. 

Marialuisa Zaia e Massimo Pulicati sono i gestori del ristorante “Oste della Bon’Ora” di Grottaferrata rappresentano un punto fermo nella ristorazione di qualità. Singolare la vicenda che li ha portati a scegliere la professione di cuochi. Marialuisa e Massimo sono nipoti di Germana Stefanini, operatrice carceraria  che il 28 dicembre 1982 fu sequestrata da un commando delle Brigate rosse nella sua abitazione a Roma, fu sottoposta alla farsa di “processo popolare” e poi trucidata. Anche Marialuisa e Massimo erano guardie carcerarie ed abitavamo vicino alla zia sola che accudivano come una mamma. I brigatisti avevano intenzione di fare una strage e quando Marialuisa la sera del 28 dicembre 1982, preoccupata dai rumori che provenivano dall’appartamento chiese alla zia se avesse bisogno di qualcosa, fu invitata a non uscire assolutamente di casa. “In pratica – ricorda Massimo Pulicati – la zia ci ha salvato la vita”. Germana Stefanini fu ammazzata quella stessa sera con un colpo di pistola alla nuca e l’episodio suscitò in Italia e all’estero grande clamore. Molte detenute del carcere di Rebibbia si dissociarono e criticarono apertamente la folle iniziativa dei brigatisti che colpiva una persona amata e rispettata da tutti. Da quel momento per Marialuisa e Massimo la vita è cambiata. Si sono sposati, hanno lasciato il lavoro ed hanno aperto il ristorante, ricevendo grande consenso dalla critica. “Per ricordare zia, insignita di medaglia d’oro al valore civile – afferma Marialuisa – abbiamo pensato di ritornare nelle carceri per pagare un debito di riconoscenza. Lavoravo nel nido delle detenute. Ci sono tante persone buone ed è giusto offrire delle opportunità a donne che stanno pagando per gli errori commessi”. In pratica i gestori dell’Oste della Bon’Ora hanno avviato insieme a Slow food Lazio un progetto per insegnare ai carcerati l’arte della cucina. Si parte da  Rebibbia per impegnare tutte le carceri italiane. Lo scopo del progetto è proprio quello di mettere in condizione le detenute di avere un lavoro più  dignitoso dopo l’espiazione della pena. “Molte recluse – riprende Marialuisa – sono straniere. Non vogliamo che entrino nelle cucine solo per lavare i piatti. Insegneremo a fare il “cacio e pepe”, “l’amatriciana” ed altri piatti romani. E se faranno le badanti potranno allietare gli anziani che servono con i piatti tipici della tradizione romana”. Slow food Lazio fornirà assistenza e materiali gratuiti per i corsi.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Dalla generosità dei mariglianesi 100 tute di biocontenimento e tablet alla protezione civile “La salamandra”

Marigliano. Dall'arte e dalla generosità sono arrivati atti concreti. Accade a Marigliano grazie ad un gruppo nato su Facebook "L'arte per Marigliano" che ha permesso...

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Ecco le iniziative del Comune di S. Gennaro

San Gennaro Vesuviano. Il Comune si "tinge" di rosso per dire "no" alla violenza sulle donne. Ma non soltanto, altre iniziative saranno messe in...

Conferenza fiume Sarno: tra storia ed archeologia, videoconferenza del Rotary

Poggiomarino. Il Rotary Club Poggiomarino Vesuvio Est, nell’ambito del suo impegno per la salvaguardia e la conoscenza del territorio vesuviano, ha organizzato per giovedì...

Sanzionati per essersi spostati in un altro Comune senza motivazione, controlli a San Giuseppe

San Giuseppe Vesuviano. Controlli per verificare il rispetto della zona rossa. Questa mattina la polizia locale di San Giuseppe Vesuviano (agli ordini del tenente...

Sisma Irpinia, Ordine architetti: abbiamo imparato poco o nulla da tragedia

Da «Fate Presto» a «Fate Prima»: è necessaria una prevenzione civile NAPOLI – Alle 19.34 del 23 novembre 1980 la terra tremò per 90 secondi....
- Advertisment -