giovedì 23 Settembre 2021
HomePoliticaVolla, comunali: Andrea Viscovo sfida il candidato del Pd, Domenico Viola

Volla, comunali: Andrea Viscovo sfida il candidato del Pd, Domenico Viola

VOLLA. Verso le comunali. Dopo il candidato del Pd, Domenico Viola, arriva a meno 24 ore dopo il primo sfidante dalla “società civile” . Andrea Viscovo, avvocato: sarà lui a guidare “una forte coalizione di connotazione civica che aggrega tutti coloro che non si ravvedono nei tradizionali partiti politici”.

L’agone elettorale inizia così a prendere forma e vita nella città di Volla la cui amministrazione attualmente è nelle mani del commissario prefettizio Maria De Angelis e dei sub commissari Giuseppe Chianese e Gennaro De Santis. E’ finita in anticipo e in malo modo l’amministrazione comunale di centrosinistra che i vollesi scelsero nel segreto delle urne nel giugno 2012 proclamando Angelo Guadagno sindaco. L’ex primo cittadino espressione all’epoca del Pd – poiché oggi non ha neanche rinnovato la tessera di partito – ha terminato in anticipo il suo mandato il 2 marzo scorso a seguito delle dimissioni di 9 consiglieri comunali su 17. Esattamente un anno fa cominciarono a “rompersi le acque” dell’amministrazione Guadagno, il primo a dimettersi fu proprio lui vista la “mancanza di presupposti per poter continuare”, poi venne il ripensamento e il ritiro delle dimissioni. Ma le crepe erano oramai troppo grosse e la falla politica fu incontenibile tanto che nei successivi venti giorni a presentare formali lettere di dimissioni, al segretario generale dell’Ente, fu non solo tutta l’opposizione, quest’ultima rafforzata da ex alleati di Guadagno, passati al “nemico” per fugare ogni dubbio di salvezza dell’amministrazione comunale. Che di fatto venne sciolta. In primavera si potrà, dunque, di nuovo tornare al voto. E in città è ripreso il fermento organizzativo prelettorale.

A dare ufficialmente il via scoprendo le proprie carte è stato il Partito democratico che con il medico endocrinologo, Domenico Viola ha annunciato il suo candidato in corsa alla poltrona di sindaco. Una scelta che ha surclassato il prevoto con le primarie: una quadra trovata proprio grazie al nome del candidato che piace, in primis, non solo al partito ma convince anche altri schieramenti civici pronti – con nome e simbolo – ad unirsi nella coalizione. A meno di 24 ore dopo è uscito ufficialmente allo scoperto Andrea Viscovo, ex consigliere dell’opposizione (un tempo anche espressione di Noi Sud), tra i primi a firmare le dimissioni un anno fa –  per guidare il prossimo consiglio comunale a Volla. Anche Viscovo non parte da solo per la sua corsa alle amministrative. Oltre “CittadiniXVolla”, movimento fondato dallo stesso Viscovo, che include tra le sue fila ex consiglieri comunali e molte figure del mondo associativo come Gennaro Russo (Aicast) e l’avvocato Umberto De Luca, ci saranno altre liste civiche: una lista civica coordinata dal medico Pasquale Guastafierro (già vice sindaco e assessore) e da Bruno Giordano proveniente dal mondo sindacale e, inoltre, un secondo movimento “Volla cambia Verso”, messo in piedi da Salvatore Barone e Sergio Sorrentino.

Per quanto riguarda il centrodestra la situazione è confusa. Forza Italia, il partito più rappresentante del centrodestra vollese, da tempo non ha nemmeno un segretario. Il nome forte resta ancora quello di Salvatore Ricci, già sindaco fino al 2012. Ma tutti smentiscono, a partire dallo stesso Ricci. Poi chissà. Il M5S ci sarà senza stringere coalizioni. Infine il un nuovo soggetto politico “Area Comune – Volla al Centro”, promosso da un gruppo di ex consiglieri e rappresentanti politici – scevri, sottolineano, dai vecchi schieramenti di partito in quanto oggi solo rappresentanti della società civile.

Avranno tutti da lavorare sodo per convincere gli elettori e i temi nel piatto sono forti: un Puc fallito a pochi metri dall’arrivo, l’isola ecologica per la quale la città ha perso finanche il finanziamento provinciale e, infine, il tema della sicurezza.

di Patrizia Panico – fonte Il Mattino area sud-costiera

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti