venerdì 7 Maggio 2021
HomePoliticaVolla ha il suo candidato al Senato con il M5S arriva Sergio...

Volla ha il suo candidato al Senato con il M5S arriva Sergio Vaccaro

VOLLA. Con le “parlamentarie” il M5S ha visto una straordinaria partecipazione, circa 15 mila persone hanno proposto la propria candidatura al parlamento e tra queste vi è il “vollese” Sergio Vaccaro. Anche Volla avrà il suo candidato al Senato della Repubblica con il M5S.

Sergio Vaccaro ha 43 anni,ricopre il ruolo di di responsabile del commercio ed è qualificato in gestione economica e management. È stato candidato sindaco e consigliere comunale a Volla dove vive con la moglie ed i suoi di tre figli.

Volla ha un candidato nel listino proporzionale. Con il M5S i cittadini iscritti hanno avuto la possibilità di esprimere una preferenza anche per il listino bloccato mentre pare che i partiti tradizionali si affidino alle segreterie. Cosa risponde a chi vi paragona agli altri partiti politici?
Guardi, una delle cose che ha sempre contraddistinto il M5S e i soliti partiti per la selezione dei candidati, è quella di mettere il cittadino attivo al centro di ogni decisione. Questa procedura avviene sia per la selezione dei candidati, ovviamente che abbiano i requisiti, sia per la stesura di proposte di legge. Il cittadino iscritto al M5S è parte attiva di un cambiamento. Contrariamente al modus operandi delle segreterie di partito.
Lei è stato consigliere comunale a Volla, un comune che sta conoscendo una espansione notevole. Certo che da parlamentare sarebbe il portavoce degli Italiani, ma quale problematica “vollese” si impegnerebbe a portare in parlamento?
Volla, come molti comuni dello stesso hinterland, ha delle grandi potenzialità. Ciò che però è mancato negli ultimi decenni è una programmazione a lungo termine. Il mio impegno, così come dimostrato durante il mio breve mandato da consigliere, è sempre stato quello di ascoltare e dare voce alle istanze di tutti cittadini. Il mancato decollo di città come la mia lo si deve a politiche inefficaci di Governo e Regione, in particolare per aver promulgato leggi in materia urbanistica che, in deroga alla strumentazione urbanistica locale, hanno stravolto e stanno stravolgendo centinaia di comuni dell’intero territorio regionale. Di sicuro, quando saremo forza di governo, doteremo i nostri amministratori territoriali di ogni tipo di strumento utile finalizzato a sviluppare le singole aree di competenza.

Il MoVimento 5 Stelle non ha perso occasione per andare contro il sistema, le ingiustizie, l’arroganza del potere. Tra le varie accuse vi hanno detto che siete incompetenti, cosa risponde?

Inutile ricordare che a definirci incompetenti sono le stesse persone che hanno portato il paese al fallimento. Al bagaglio di conquiste che abbiamo inanellato in cinque anni tra i banchi dellopposizione grazie al lavoro di portavoce onesti e dalle grandi capacità, oggi rilanciamo con una squadra di candidati che annovera personalità del calibro di Maria Domenica Castellone (ricercatrice del Cnr, presso l’istituto di endocrinologia di Napoli), Vincenzo Zoccano (presidente del Forum italiano Disabilità), Mauro Coltorti (docente di geomorfologia e esperto di dissesto idrogeologico), Marco Nardin (presidente uscente dei Giovani imprenditori di Confartigianato), Mauro Vaglio (presidente dell’Ordine degli avvocati), Lorenzo Fioramonti (economista). Solo per citarne alcuni.

In un incontro con il commissario prefettizio di Volla, la Dottoressa Anna De Nigro, ha parlato anche di ambiente. Rimane un punto importante per il MoVimento 5 Stelle. Quali passi in avanti saranno fatti con un governo a 5 Stelle?

Nella scorsa legislatura siamo stati i primi ad aver portato al centro del dibattito parlamentare la questione Terra dei Fuochi. Ed è grazie alle nostre battaglie che abbiamo ottenuto l’approvazione della la legge (68/2015) che introduce nel Codice Penale il reato ambientale. Il nostro programma ambientale prevede, tra i suoi punti principali, la riduzione della produzione dei rifiuti, politiche fiscali innovative, uno stop al consumo del suolo, la fondamentale importanza dellacqua pubblica. Puntare sullambiente vuol dire innestare, una volta per tutte, un ciclo virtuoso grazie al quale far rinascere economia locale e occupazione.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti