sabato 15 Maggio 2021
HomeCronacaVolla, aveva rapinato un ingrosso di prodotti ittici, arrestato 47enne affiliato al...

Volla, aveva rapinato un ingrosso di prodotti ittici, arrestato 47enne affiliato al clan Licciardi

VOLLA. Aveva rapinato un ingrosso di prodotti ittici in via Lufrano facendosi consegnare l’incasso dietro minaccia di una pistola. Identificato e arrestato il responsabile, tra l’altro, ritenuto affiliato al clan camorristico dei “Licciardi”.

Questa mattina i carabinieri della locale stazione hanno arrestato ad Arpino di Casoria Antonio Trambarulo, 47 anni, residenta a Casoria, in via Pascoli. L’uomo è già noto alle forze dell’ordine e, inoltre, è ritenuto dagli inquirenti un affiliato del clan camorristico dei “Licciardi”, operante nel quartiere napoletano di Secondigliano e altre zone limitrofe. All’uomo, responsabile di rapina aggravata, i militari dell’arma hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 13 gennaio dal gip di Nola concordando con risultanze investigative dei carabinieri di Volla. Nel corso delle indagini, coordinate dalla procura di nolana, i carabinieri hanno accertato, anche attraverso riconoscimento fotografico, che Antonio Trambarulo lo scorso 31 ottobre aveva fatto irruzione all’interno di un esercizio commerciale per la vendita all’ingrosso e il trasporto di prodotti ittici di Volla, sito in via Lufrano, costringendo gli addetti del negozio a consegnargli l’incasso di circa 2mila euro con la minaccia di una pistola. Il responsabile, dopo una breve latitanza, è stato infine individuato e catturato dai carabinieri della stazione di Arpino di Casoria, mentre si trovava per strada. Si sono aperte così le porte del carcere di Poggioreale per il rapinatore Antonio Trambarulo.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti