sabato 4 Febbraio 2023
HomePoliticaEscalation criminale, lo sport contro le mafie. Parlati: "Educatore silenzioso"

Escalation criminale, lo sport contro le mafie. Parlati: “Educatore silenzioso”

NAPOLI. Escalation criminale, lo sport contro le mafie. Parlati: “Combattere le mafie anche con lo sport, educatore silenzioso per i giovani”.

“ Lo sport contro tutte le mafie, un educatore silenzioso che in  modo invisibile non infastidisce i giovani,  proiettando gli stessi  in un percorso sociale  di crescita e di insegnamento necessario per ristabilire quell’equilibrio civico e sociale che sta letteralmente vacillando nelle ultime settimane” Ecco la posizione di Gennaro Parlati,  a margine dell’escalation criminale che sta devastando la tranquillità dei napoletani dopo i fatti di Secondigliano e del Rione Sanità.

“ Ho apprezzato tantissimo l’intervento su Il Mattino di Franco Roberti, Procuratore Nazionale Antimafia , che ha posto l’accento sul recupero sociale dei giovani partenopei, invitando le istituzioni pubbliche ad erogare anche più fondi per lo sport e l’impiantistica sportiva. Concordo pienamente con il magistrato , l’intervento militare fine a se stesso non può bastare. Da ex judoka, quindi dal  ‘campo’, o meglio dal ‘tappeto’,  posso tranquillamente sostenere e veicolare   l’utilità  sociale e culturale della pratica sportiva.”. Gennaro Parlati è stato uno judoka, per oltre 20 anni ha difeso i colori delle Fiamme Oro, l’organizzazione sportiva della Polizia di Stato.

“ Ormai è diventato necessario ed opportuno, inserendo nei capitoli di bilancio del Comune di Napoli e della Regione Campania i fondi necessari  per garantire l’accesso gratuito ai corsi sportivi per i giovani dei territori , utilizzando storiche e prestigiose associazioni sportive dilettantistiche che negli anni hanno dimostrato la loro capacità di sottrarre manodopera alla criminalità organizzata.  –  ecco la proposta di Gennaro Parlati – L’esigenza  di combattere in modo efficace  la criminalità si sente più forte nelle aree periferiche dimenticate dalla ricerca spasmodica del sindaco De Magistris di diffondere una “cartolina turistica” della città che esiste solo nella mente dell’attuale  primo cittadino partenopeo. Queste aree urbane sono ostaggio della malavita organizzata, vere e proprie zone di guerra, le esperienze dei maestri dello sport può valere più di un milione di soldati. Risulterebbe sbagliato non agire subito.”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti