breaking news

Notte Nazionale del Liceo Classico, protagonisti gli studenti

11 gennaio, 2018 | by Comunicato Stampa
Notte Nazionale del Liceo Classico, protagonisti gli studenti
Cultura e Spettacoli
0

No Banner to display

Notte Nazionale del Liceo Classico: al “de’ Liguori” di Acerra protagonisti gli studenti.

ACERRA. Prende vita anche quest’anno “La Notte Nazionale del Liceo Classico”, patrocinata dal Ministero dell’Istruzione nell’ambito delle azioni organizzate dalla Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di istruzione a sostegno degli studi classici e umanistici.
“La Notte Nazionale del Liceo Classico”, ideata da Rocco Schembra, professore di latino e greco del liceo classico “Gulli e Pennisi” di Acireale, in Sicilia, vede l’adesione di ben 407 licei classici di tutta Italia i quali,   venerdì 12 gennaio 2018 dalle ore 18.00 alle 24.00, apriranno le loro porte ai cittadini.


Anche il liceo classico “A.M. de’ Liguori” di Acerra partecipa all’iniziativa, scegliendo come tema “Xenìa”, ossia il concetto di “ospitalità” tra ieri e oggi, tema che sarà approfondito attraverso recitazioni teatrali, spettacoli musicali e di danza, cortometraggi, drammatizzazioni, interviste, reportage, allestimento del banchetto romano e tanto altro. Agli alunni del Liceo Classico si affiancano quelli degli altri indirizzi presenti al “de’Liguori”, Scientifico, Linguistico e Scienze Applicate.  La cultura è il filo rosso che ci unisce, unisce i popoli del Mediterraneo e del Mondo, a partire dai Licei: il Liceo Classico, custode dei valori e delle tradizioni più antiche, si apre agli altri indirizzi liceali,  figli anch’essi di quella tradizione di studi classici che, per dirla con il Prof. Canfora, copriva l’insieme di tutte le discipline.  Il liceo “Classico” non è infatti solo la conoscenza sterile delle regole grammaticali Latine e Greche, che sulle prime potrebbe risultare noiosa, ma è lo studio che ci immerge nella cultura classica e nella sua rigorosa struttura di pensiero, aiutando a formare uomini pensanti, favorendo i processi di logica e facilitando la comunicazione, così utile ed indispensabile nel mondo del lavoro di oggi.

Il programma della serata, denso di interventi preparati dagli studenti  e aperto dalle testimonianze di alcuni “classicisti”, guiderà gli ospiti alla scoperta dell’ossatura stessa della cultura occidentale, che nell’accoglienza dell’altro ha sempre visto un elemento fondante per la costruzione di una società libera, pluralistica e democratica. Un invito ad aprirsi all’altro da sé, tornando a guardare al Mediterraneo come un mare che accoglie e non respinge, uno spazio geografico che è spazio vivo di retaggi culturali e fecondo di nuove possibilità.

 

Lascia un commento