domenica 26 Settembre 2021
HomeEconomiaAgenzie di scommesse, lavoratori a rischio. Strazzullo, Uiltucs: Evitare licenziamenti

Agenzie di scommesse, lavoratori a rischio. Strazzullo, Uiltucs: Evitare licenziamenti

NAPOLI. Lavoro, Agenzie di scommesse tra Napoli e Pozzuoli 30 lavoratori rischiano il licenziamento. Strazzullo (Uiltucs): “Subito un tavolo per evitare i licenziamenti”.

La Cogetec, azienda nazionale del settore scommesse sportive, ha iniziato in tutta Italia una serie di cessioni delle agenzie giustificandole per un eventuale rilancio delle stesse. Anche a Napoli la Cogetec ha adottato la “strategia” della frammentazione dell’azienda portando le agenzie sul territorio al di sotto dei 15 dipendenti.

La Uiltucs in fase di esame congiunto, ha chiesto tutele affinché il piano industriale presentato sia coerente e quindi siano date maggiori garanzie occupazionali non oltre il limite previsto dalle leggi in materia. “L’azienda si è rifiutata di mantenere questo standard e per tale motivo gli accordi non furono firmati – dichiara Rino Strazzullo, segretario generale della Uiltucs Campania, e la verità solo oggi è venuta a galla. Infatti le due agenzie di Napoli, ex Cogetec, denominate DioclezianoBet e PuteolanBet, non hanno un futuro certo. I circa 30 dipendenti delle due agenzie lamentano, dal passaggio ad oggi, ritardi notevoli nei pagamenti, mancata applicazione di alcune voci in busta paga (vedi Ticket), le agenzie vivono in uno stato pietoso senza alcuna manutenzione e ai dipendenti di DioclezianoBet, che sono in sciopero, gli è stato chiesto di andare a lavorare a Torino con un contratto Part-time.

Diversa la situazione, ma ancor più grave, per i dipendenti di PuteolanBet, anche perché  la loro agenzia a dicembre è stata devastata da un incendio. Il punto scommesse è chiuso e il futuro dei lavoratori è totalmente incerto. Il sindacato – continua Strazzullo – vede in questa cessione solo una frammentazione per liberarsi dei dipendenti in considerazione del fatto che la concessione governativa sulle scommesse è ancora in capo a Cogetec e scadrà nel 2016. Su tutta questa anomala vicenda, che rischia di far uscire dal mondo del lavoro ben 30 famiglie, in un territorio come quello flegreo già in grossa crisi occupazionale, la Uiltucs chiede che venga subito creato un tavolo per fare chiarezza sull’intera vicenda e per provare a mantenere i livelli occupazionali. Non si può – conclude Strazzullo – continuare  a speculare sulla pelle dei lavoratori utilizzando leggi a sostegno di cessioni che ormai non garantiscono più il lavoro”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti