lunedì 4 Marzo 2024
HomeAppuntamentiAl via la Scuola sociopolitica e imprenditoriale della Diocesi di Nola. Ospite...

Al via la Scuola sociopolitica e imprenditoriale della Diocesi di Nola. Ospite il direttore dell’Istituto Acton

L’edizione 2024 della Scuola sociopolitica e imprenditoriale della Diocesi di Nola prenderà il via domani 10 febbraio, alle 10, presso la biblioteca storica del Seminario vescovile: “Democrazia è partecipazione. Al servizio del territorio e della Comunità” il tema di quest’anno.

L’Equipe di coordinamento della Scuola, guidata dalla responsabile Giuseppina Orefice – anche segretaria diocesana del Movimento lavoratori dell’Azione cattolica – ha scelto di iniziare il nuovo percorso invitando il direttore dell’Istituto Acton di Roma, Michael Severance, che relazionerà sul tema “Le parabole: le grandi perle sull’etica sociale”.

«Abbiamo voluto iniziare questa nuova edizione mettendo al centro prima di tutto la Parola: la cura del bene comune e l’economia virtuosa che con la Scuola promuoviamo, attraverso la formazione, sono ispirate al Vangelo, non ne possono prescindere – spiega Orefice –. Per questo ad aprire il cammino di quest’anno sarà il direttore dell’Istituto Acton, una realtà che sostiene la formazione in campo economico insistendo sulla connessione che può esistere tra virtù e pensiero economico, coniugando i principi del libero mercato con quelli cristiani».

Interverranno all’inaugurazione, in programma domani, anche il vicario episcopale per la Carità e la Giustizia della Diocesi di Nola, don Aniello Tortora, e il direttore dell’Ufficio diocesano di pastorale sociale, don Giuseppe Autorino. La Scuola sociopolitica e imprenditoriale è infatti una realtà dal carattere profondamente diocesano: «Ogni edizione – conclude la responsabile del percorso formativo, Giuseppina Orefice – è frutto di una stretta collaborazione tra uffici e associazioni diocesani».

Tre i moduli formativi proposti. Il primo sarà dedicato alla Costituzione italiana, con incontri su “75 anni e non sentirli – L’attualità dei principi costituzionali” (29 febbraio 2024) e “La riforma della Costituzione: quali possibili orizzonti?” (14 marzo 2024).

La seconda sessione verterà su “Economia e Politica”, affrontando le tematiche “Europa, Italia e Mezzogiorno: il doppio divario” (18 aprile 2024) e “Donne e lavoro: armonizzare i tempi di vita della famiglia” (2 maggio 2024).

La terza sessione, infine, fornirà due focus sulla Dottrina sociale della Chiesa, relativi a “Fecondare e fermentare la società con il Vangelo” (30 maggio 2024) e “Laudate deum: Camminare in comunione e con responsabilità” (6 giugno 2024).

Sono previsti anche tre laboratori per approfondire le figure di Alcide De Gasperi, (21 marzo 2024), a cura della Fondazione De Gasperi; Tina Anselmi (16 maggio 2024), al quale interverrà Rosy Bindi, già parlamentare e ministro della Repubblica Italiana; don Luigi Sturzo (20 giugno 2024), con la partecipazione di Flavio Felice, professore di Dottrine economiche e politiche presso l’Istituto pastorale Redemptor Hominis della Pontificia Università Lateranense.

Tra i relatori che guideranno i partecipanti nel percorso formativo, che si annuncia intenso e entusiasmante, ci saranno: Umberto Ronga, professore di Diritto costituzionale presso l’Università degli Studi di Napoli Federico Il; Renato Briganti, professore di Istituzioni di Diritto pubblico, sempre presso la Federico II; Gaetano Vecchione, professore di Economia applicata, anch’egli federiciano; don Bruno Bignami, direttore dell’Ufficio di pastorale sociale e lavoro della Conferenza episcopale italiana; Mario Cappella, direttore dell’Ufficio di pastorale sociale della diocesi di Acerra.

Tutti gli incontri si terranno presso il Salone lucido del Seminario vescovile di Nola, dalle 18:30 alle 20:30, e sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

Le informazioni sull’inaugurazione e il programma sono disponibili sul sito www.diocesinola.it e sulla pagina Facebook della Scuola.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche