giovedì 13 Giugno 2024
HomeAttualitàAnche Sant' Anastasia dice no alla guerra

Anche Sant’ Anastasia dice no alla guerra

SANT’ ANASTASIA. Anche i frati conventuali minori della parrocchia di Sant’Antonio hanno partecipato alla cerimonia finale dell’Incontro Internazionale “Per Un Mondo Senza Violenza – religioni e culture in dialogo” che si è svolto ieri,23 ottobre, in piazza del Plebiscito a Napoli. Nella grande piazza della città partenopea erano presenti i leader di tutte le fedi del mondo: buddisti, scintoisti, musulmani, cristiani ortodossi e greci, per citare le principali religioni rappresentate ieri, riuniti in nome della pace. Un evento mondiale che è stato spettacolo, ma anche riflessione e, soprattutto, invito a riflettere, in particolar modo sulle guerre e gli atti di violenza compiuti in nome della religione. Davanti a migliaia di persone, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha lanciato il suo messaggio di pace al mondo e il suo pensiero per i napoletani “Vi sento vicini e vi sono vicino – ha detto Napolitano – nei momenti felici come in quelli più difficili”. Tra le autorità presenti anche il presidente della Regione e della Provincia, il cardinale Crescenzio Sepe e Andrea Riccardi, fondatore della comunità di Sant’Egidio, organizzatore dell’ evento.

Mina Spadaro

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche