lunedì 20 Settembre 2021
HomeAppuntamentiCAPODICHINO, CELEBRATI I CENTO ANNI DELL’INTITOLAZIONE DELL’AEROPORTO ALL’EROE NAPOLETANO “UGO NIUTTA”

CAPODICHINO, CELEBRATI I CENTO ANNI DELL’INTITOLAZIONE DELL’AEROPORTO ALL’EROE NAPOLETANO “UGO NIUTTA”

Lunedì 12 luglio si è tenuta la celebrazione del Centenario dell’intitolazione “Ugo Niutta” dell’Aeroporto di Capodichino, avvenute nel pieno rispetto delle norme e delle disposizioni di prevenzione dal rischio di contagio da SARS-COV-2.

A conferire solennità all’intero evento è stata la presenza del Prefetto di Napoli, dottor Marco Valentini e dell’Assessore Alessandra Clemente, delegata dal Sindaco di Napoli. Hanno preso parte alla cerimonia autorità militari, tra cui il Generale di Corpo d’Armata Giuseppenicola Tota, Comandante del Comando Forze Operative Sud ed ha presenziato l’Ordinario Militare per l’Italia, S.E.R. Monsignor Santo Marcianò, accolti dal Comandante dell’Aeroporto di Capodichino, Colonnello Pilota Vittorio Vicari.

Prima dell’inizio cerimonia, l’attore napoletano, Nicola Le Donne, ha eseguito una emozionante ricostruzione biografica del S.Ten. Ugo Niutta, l’eroe napoletano morto in combattimento aereo nel corso della 1ª Guerra Mondiale.
Si è tenuta l’Alzabandiera Solenne con gli Onori ai Caduti e, a seguire, è intervenuto il Colonnello Vicari, il quale, dopo aver espresso profonda gratitudine per il lavoro svolto da tutto il personale degli Enti ubicati sul Sedime napoletano, ha sottolineato: “…le gesta eroiche di Ugo Niutta sono motivo per cui, giustamente, gli fu intitolato l’Aeroporto di Capodichino”, a cui poi ha aggiunto: “…ciò deve inorgoglire il personale che gli appartiene per continuare a crescere al servizio del sistema paese”.

La Cerimonia è proseguita con l’inaugurazione dell’Edicola Votiva alla Madonna di Loreto con una solenne benedizione da parte di S.E.R. Marcianò il quale, successivamente, ha officiato la Celebrazione liturgica in presenza di numerose autorità civili e militari dell’Aeroporto Partenopeo e dei reparti della Campania.

Gli ospiti presenti, a fine cerimonia, hanno potuto visitare la mostra fotografica intitolata: “da Campo di Marte ad Aeroporto”, riguardante la storia dell’Aeroporto Militare di Napoli e del Sottotenente Medaglia d’Oro al Valor Militare “Ugo Niutta” e, per celebrare i Cento anni dell’intitolazione dell’Aeroporto Militare, è stata realizzata una cartolina rievocativa, con relativo annullo postale filatelico, raffigurante l’eroe partenopeo “Ugo Niutta”, tratta dell’acquerello del maestro Domenico Sepe, eseguita per la straordinaria ricorrenza.

SCARICA LA CARTELLA CON C.S. E FOTO

Logotipo celebrativo del Centenario
Il lavoro concettuale del logotipo per il “Centenario dell’Intitolazione dell’Aeroporto di Capodichino al S.Ten. Ugo Niutta”, pone leva sul prestigio e l’appartenenza del Comando Aeroporto Capodichino all’Aeronautica Militare Italiana.
Analizzando le caratteristiche e i tratti distintivi dell’Ente e della Forza Armata ci siamo soffermati su alcuni elementi rappresentativi:
· Immagine dell’Eroe Partenopeo, Ugo Niutta, Medaglia d’Oro al Valor Militare.
· Aquila, simbolo presente nello stemma dell’Aeronautica Militare.
· Gli artigli dell’Aquila, simbolo dell’armamento aereo.
· Aereo Jet militare.
· Elemento aria.
· Elemento terra.
· Colori della Bandiera Italiana, verde bianco e rosso.
· Colori dello Stemma Araldico dell’Aeroporto Capodichino, oro e rosso.
L’elaborazione e la sintesi degli elementi rappresentativi hanno portato alla stilizzazione di un logotipo di forma circolare, composto dal pittogramma dell’eroe “il Tenente Ugo Niutta” posto nella parte centrale.
L’eroe si adagia su tre elementi grafici posti sullo sfondo, che sintetizzano l’aria (colore bianco), il suolo (colore oro) e il jet militare in fase di decollo (colore verde e rosso).
A prua dell’elemento jet, possiamo distinguere la “testa dell’Aquila” e “gli artigli dell’Aquila in fase di attacco”.
Nel suolo, in basso a destra, è stata inserita la didascalia “100° 1921-2021” che espone in modo chiaro il concetto del Centenario.
Nell’aria, in alto, è stato inserito il lettering “Aeroporto Capodichino Ugo Niutta” che delimita la parte superiore e racchiude il logotipo.

Il Comando Aeroporto Militare “Ugo Niutta” di Napoli – Capodichino, a suo tempo progettato e costruito per divenire la sede dell’Accademia Aeronautica, poi base operativa del 4° Stormo e della 4a Aerobrigata Intercettori, nonché del 86° Gruppo AntiSom, assicura oggi supporto logistico a diversi Enti ivi ubicati (5° Gruppo Manutenzione Velivoli, Ufficio Tecnico Territoriale di Napoli della Direzione Armamenti Aeronautici per la Aeronavigabilità, 6° Reparto Volo della Polizia di Stato, Sezione Aerea della Guardia di Finanza, Unità cinofila della Guardia di Finanza) ed alla base della Marina Militare Statunitense (U.S. Naval Support Activity) nei confronti della quale garantisce l’esercizio della sovranità nazionale, sovrintende all’applicazione degli accordi bilaterali relativi alla presenza dei reparti USA stanziali o rischierati sull’aeroporto, supervisionandone l’attività di volo e operativa, e funge da elemento di collegamento con le Autorità nazionali a livello locale. Il Comando Aeroporto Capodichino è anche hub logistico a favore del Raggruppamento Campania dell’E.I. nell’ambito dell’Operazione “Strade Sicure”. Inoltre, nell’ambito dei servizi alla collettività, fornisce supporto di linea volo 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, a voli militari e di Stato, nonché a quelli per il trasporto aereo sanitario di organi e di pazienti bisognosi di cure urgenti, spesso in imminente pericolo di vita.

Aeronautica Militare
Comando Aeroporto di Capodichino “Ugo Niutta”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti