domenica 26 Maggio 2024
HomeAttualitàCAPRI WATCH: IL CONSIGLIO DI STATO RIBALTA LA SENTENZA DEL TAR CAMPANIA

CAPRI WATCH: IL CONSIGLIO DI STATO RIBALTA LA SENTENZA DEL TAR CAMPANIA

AVEVA RAGIONE CAPRI WATCH: IL CONSIGLIO DI STATO RIBALTA LA SENTENZA DEL TAR CAMPANIA E ACCOGLIE LE MOTIVAZIONI DI CAPRI WATCH ED EMETTE SENTENZA DI CONDANNA PER IL COMUNE DI CAPRI AL RISARCIMENTO DEI DANNI E IL PAGAMENTO DELLE SPESE LEGALI

Clamorosa notizia giunta a Capri con sentenza emessa dal Consiglio di Stato che ha pubblicato in data 8 marzo 2023 il dispositivo che ha ribaltato la Sentenza del TAR Campania, il 23 maggio 2018.

Con la sua sentenza invece, Il Consiglio di Stato (Sez.VI) si è pronunciato definitivamente sul ricorso presentato da Silvio Staiano, legale rappresentante di Capri Watch, rappresentato e difeso dagli avvocati Giuseppe Ceceri e Giancarlo Mariniello e per l’effetto, in riforma all’appellata sentenza:
– accoglie il ricorso di primo grado;
– annulla l’ordinanza del Comune di Capri n. 145 del 1° settembre 2017, dichiarandola illegittima;
– condanna il Comune di Capri a risarcire alla Società titolare del marchio Capri Watch i danni conseguenti alla adozione dell’ordinanza annullata (distruzione della Tenda) e al pagamento effettivo e agli interessi rivalutati anno per anno, da settembre 2017 ed al pagamento delle spese del doppio grado del giudizio.

E’ pesante il bilancio a carico del Comune che difeso dall’avv. Marco Tiberi, che invano, aveva tentato di far dichiarare inammissibile il ricorso e che invece ha visto dichiarare dal Collegio di Stato (art. 10 sentenza) “l’illegittimità del regolamento tende e/o la sua inefficacia sopravvenuta per contrasto alla legge vigente. Il caso della tenda tagliata, distrutta e rimossa in Via Camerelle dove all’esterno della gioielleria boutique di Capri Watch, dagli operai del Comune alla presenza del capo dell’ufficio tecnico che mise in esecuzione un’ordinanza dell’allora sindaco, della passata amministrazione, ritenendo che il colore della tenda non fosse conforme al regolamento comunale, fece enorme scalpore per la crudezza e singolarità del caso che non aveva avuto precedenti e indusse Silvio Staiano patron di Capri Whatch a denunziare il Comune, l’architetto a capo dell’ufficio, dando vita così ad un contenzioso giunto sino al Consiglio di Stato e che con la sua sentenza ha messo la parola fine ad una storia dai contorni strani che ha visto ora soccombere il Comune che dovrà accollarsi l’onere di pagare i danni e le somme richieste dal Collegio (Sez.VI) che ha emesso la sentenza.

Infatti: “La determinazione del colore delle tende non rientrerebbe dunque nella potestà regolamentare del Comune, con la conseguenza che il c.d. regolamento tende andrebbe disapplicato. Sarebbe inoltre illegittima l’acquisizione del parere della CLP in quanto il D.P.R. 31/2017 ha eliminato l’obbligo di acquisizione dell’autorizzazione paesaggistica e tale passaggio non può essere reintrodotto da un regolamento comunale. Nel caso di specie, inoltre, il parere della CLP sarebbe illegittimo anche per violazione dell’art 7 del regolamento tende; la norma infatti prescrive l’utilizzo di colori “tenui e non chiassosi”, mentre il parere esprime l’esigenza che la tenda sia di colore bianco o comunque chiaro”.

Smisurata è stata la soddisfazione di Silvio Staiano, titolare del marchio Capri Watch, che finalmente ottiene giustizia: “sono lieto che i Giudici amministrativi abbiano duramente sanzionato la condotta dei responsabili del Comune di Capri visto che il “parallelo” processo penale, per mera fortuna degli indagati, non aveva accertato le gravissime responsabilità che erano, sin dal principio, sotto gli occhi di tutti poiché documentate da formale denuncia con prove, foto e video, schiaccianti. Ritengo che questa sentenza diventi la pietra tombale da riporre, per sempre, sulla precedente amministrazione comunale targata Giovanni De Martino e Roberto Bozzaotre che in maniera inurbana, nella qualità di sindaco e vice sindaco di Capri, si espressero con toni indegni ed inadeguati alle cariche che ricoprivano all’epoca quando anziché scusarsi per la violenza, l’ingiustizia e l’arroganza poste in campo, usarono verso la mia persona frasi offensive ed oltraggiose, con l’intento di diffamarne la reputazione, mentre, al contrario difesero a spada tratta il dirigente dell’Ufficio Tecnico, Stroscio Massimo, poi successivamente arrestato dai carabinieri, condannato ad oltre 3 anni di reclusione, nonché travolto da numerosissime inchieste giudiziarie, fino ad essere recentemente addirittura licenziato dal Comune di Capri (quando in carica è arrivata la presieduto dalla nuova amministrazione).

Ancora oggi grida vendetta “l’attentato” amministrativo posto in essere nei confronti della nostra azienda proprio durante un momento di grande debolezza che mi vedeva al capezzale di mia sorella Rossella in coma, con la pretesa (vergognosa!) che io adempissi all’ordinanza di rimozione (illegittima!), oggi annullata, proprio 2 giorni dopo la sua morte ed addirittura prima che venisse celebrato il funerale. Per questo non mi fermerò qui, anzi procederò finché non verranno puniti coloro che si sono macchiati (sindaco, vice sindaco e compagnia) di avere scritto, da protagonisti o in complicità, la pagina più nera della storia della Pubblica Amministrazione di Capri dal dopoguerra ad oggi. (Ufficio Stampa)

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche