mercoledì 22 Settembre 2021
HomeAttualitàCaserta. Nasce il 1° polo elettronico campano per applicazioni BMS

Caserta. Nasce il 1° polo elettronico campano per applicazioni BMS

Siglato un accordo di partnership industriale tra FIB SpA (Gruppo Seri Industrial) e TME per la nascita nel territorio casertano di un Polo Elettronico Campano per lo sviluppo di sistemi e schede elettroniche per applicazioni BMS (Battery Management System) e relativi sistemi integrati.

L’intesa raggiunta tra le due società prevede la progettazione, lo sviluppo e la fornitura di sistemi elettronici per accumulatori elettrici, unendo le competenze di FIB nella produzione di accumulatori elettrici al litio con quelle di TME nella realizzazione di schede elettroniche.

L’accordo prevede, al verificarsi di determinate condizioni, anche la costituzione di una Newco compartecipata.

“Grazie al posizionamento strategico della Seri Group nel proprio mercato di riferimento e alle competenze della TME nel campo elettronico – ha dichiarato il dottor Aniello Stellato, fondatore e CEO della TME – la strategia industriale condivisa è quella di sviluppare dei sistemi innovativi nei settori di competenza, creando in questo modo un vantaggio competitivo nell’offerta dei prodotti e servizi connessi”.

LE ORIGINI E LA STORIA

TME Srl

La TME srl, nasce nel 2007 e, partendo da una tipologia di attività molto specifica di
progettazione dei Sistemi di collaudo elettronici, è cresciuta negli anni, aggiungendo poi
man mano nuove attività e servizi, sino ad arrivare ad oggi, dove è in grado di offrire un
servizio completo di progettazione di sistemi e schede elettroniche, sviluppo di prototipi,
assemblaggio elettromeccanico, produzione SMT/THT e ingegneria di collaudo.
Ed è grazie a questi obiettivi di crescita che la TME ha fatto importanti investimenti
in questi anni in termini di strutture, mezzi e soprattutto persone, puntando su personale
proveniente da grosse multinazionali e giovani ingegneri.

Con una sede operativa negli Stati Uniti d’America in South Carolina e un’ulteriore sede operativa in Cina nella città di Xiamen, l’azienda opera anche con l’estero, garantendo al cliente un efficace ed efficiente supporto locale.

Il Gruppo SERI Industrial

Nel 1999 la Famiglia Civitillo fonda il Gruppo Seri, inizialmente come società di ingegneria
nella progettazione e costruzione di impianti per il riciclo di batterie a fine vita.
Attualmente il Gruppo Seri Industrial, quotato sul mercato principale (MTA) di Borsa
Italiana, opera attraverso due società: Seri Plast, attiva nella produzione e nel riciclo di
materiali plastici per il mercato delle batterie, l’automotive, il packaging ed il settore idro-
termo sanitario; FIB, attiva, attraverso il marchio FAAM, nella produzione e nel riciclo di
batterie al piombo e al litio per applicazioni trazione, industriali, storage e militari, oltre che
nella progettazione di impianti per il riciclo delle batterie.
FIB ha realizzato a Teverola, nell’ex area Indesit, il primo sito italiano per la produzione di
celle, moduli e batterie al litio.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti