martedì 16 Aprile 2024
HomeSenza categoriaCimitero di Poggioreale, albero cresciuto sul tetto di una cappella

Cimitero di Poggioreale, albero cresciuto sul tetto di una cappella

NAPOLI – Un albero cresciuto sul tetto di una cappella cimiteriale. Anzi, più di uno. C’è anche questo tra degrado, sporcizia e vialoni abbandonati in una situazione diincuria selvaggia che caratterizza il cimitero di Poggioreale e che denuncia, foto alla mano, l’Associazione Incaricati Confraternite Cimiteri di Napoli.

Erbacce, scarti di lavorazioni edili, laterizi, plastiche e rifiuti, cassonetti di fronte agli ingressi delle cappelle: il tutto documentato certosinamente dai membri dell’Associazione in appena 48 ore, tra domenica e lunedì, quando l’afflusso al cimitero espone a “tale scempio”, come lo definisce il presidente dell’Associazione Rosario De Rosa, i visitatori.

“Avevamo delle aspettative dalla nuova amministrazione comunale, purtroppo clamorosamente disattese”, spiega De Rosa. Che aggiunge: “Il Comune come al solito dimostra di voler solo di fare cassa sui cimiteri, ma di contro non offre niente. Acqua, giardinaggio, bagni, trasporti, pulizia e decoro sono ormai un lontano ricordo di tempi che furono. Intanto gli utenti e gli operatori continuano a pagare tasse per servizi che non hanno. E la manutenzione, che dovrebbe essere la grande attenzionata dopo i ripetuti crolli, è lontana anni luce da standard minimi che prevedono, ad esempio, il fatto che non dovrebbero in alcun modo crescere alberi sui tetti. Alberi. Immaginate il rischio per l’incolumità dei visitatori, altro che servizi minimi! Siamo davvero basiti”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche