giovedì 13 Giugno 2024
HomeAttualitàColombo: Lis riconosciuta come lingua nazionale

Colombo: Lis riconosciuta come lingua nazionale

Il Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Campania, l’avv. Paolo Colombo, rende noto con grande soddisfazione che la Camera ha approvato il disegno di legge di conversione del Decreto Sostegni, il cui articolo 34-ter è dedicato alle “Misure per il riconoscimento della lingua dei segni italiana e l’inclusione delle persone con disabilità uditiva”.

Finalmente si abbattono le barriere della comunicazione e si apre la strada alla piena inclusione delle persone sorde che da troppo tempo, attraverso innumerevoli manifestazioni e campagne di sensibilizzazione, invocano questa legge di civiltà ed uguaglianza.

“Una grande conquista dopo anni di battaglie e speranze deluse per le persone con disabilità uditive – dichiara il Garante dei disabili, Paolo Colombo – ma anche una fondamentale tappa di civiltà per tutta l’Italia. Con questo storico riconoscimento si mette la parola fine ad un grave ritardo che aveva portato l’Italia ad essere l’ultimo dei Paesi in Europa a non aver riconosciuto la propria lingua dei segni nazionale”.

L’emendamento riconosce inoltre le figure dell’interprete LIS (lingua dei segni italiana) e dell’interprete LIST (lingua dei segni italiana tattile), mentre un successivo decreto definirà i percorsi formativi per l’accesso alle professioni e le norme transitorie per chi già esercita tali professioni.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche