giovedì 13 Giugno 2024
HomeCultura e SpettacoliDON QUIJOTE di Loris Petrillo in scena al Piccolo Bellini

DON QUIJOTE di Loris Petrillo in scena al Piccolo Bellini

Napoli. Dal 3 al 5 marzo 2017 al Piccolo Bellini sarà in scena  il Don Qujote l’opera coreografica di Loris Petrillo, ispirata al celebre Don Chischiotte di Cervantes

con Nicola Simone Cisternino, Yoris Petrillo, Adrien Ursulet/Sara Sguotti coreografia e regia Loris Petrillo produzione AcT/Cie Twain 2015 con il sostegno del MiBACT –  Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo con il contributo di OfficinaTwain 14/16 – Centro di Promozione Culturale del Territorio – Regione Lazio collaborazione con La Fabbrica dell’Attore/Teatro Vascello – Roma._MG_0287 copy

Trattasi della riproposizione in chiave contemporanea di uno dei personaggi più amati della letteratura che, nonostante il passar del tempo non ha smesso di esercitare il proprio fascino su adulti e bambini e non esaurisce mai la sua attualità. Il Cavaliere errante da sempre si è prestato alle più diverse interpretazioni e a secondo dalle sensibilità del fruitore, diviene ora simbolo di follia, ora di leggerezza, o al contrario dell’uomo sconfitto dai propri limiti.  Il moderno Chisciotte è un “vinto” , un individuo deluso, tradito, costretto a conformarsi alle leggi imposte della società alla quale sacrificare i propri sogni, le proprie aspettative e le proprie aspirazioni ma, non senza un barlume di speranza:

“Non muoia , signor padrone, non muoia. Accetti il mio consiglio, e viva molti anni, perché la maggior pazzia che possa fare un uomo in questa vita è quella di lasciarsi morir così senza un motivo, senza che nessuno lo ammazzi, sfinito dai dispiaceri e dall’avvilimento…”

16692272394_ab99c792f5_o(1)Nelle  parole di  che Sancho Panza, il fidato scudiero contraddistinto dalla sua ingenuità e saggezze nel contempo, rivolge al cavaliere  sul letto di morte, il regista Loris Petrillo rintraccia un richiamo alla resistenza dinanzi alle  avversità della vita e alla presa di coscienza dei limiti umani. Un intramontabile classico della letteratura, che ancora oggi riemerge in tutta la sua attualità, in  un’epoca in cui le giovani generazioni avvertono il profondo senso di smarrimento per la condizione di precarietà, costretti ad un’esistenza  grigia che poco spazio lascia all’ immaginazione, ai sogni, alle aspettative. Soltanto una vena di follia, di leggerezza, può essere l’antidoto contro rischio di diventare spettatori passivi della propria esistenza, avere il coraggio di guardare al di là delle cose ritrovare attraverso l’arte in ogni sua forma, un nuovo modo di guardare la realtà.

Durata 60 minuti
Prezzi: Intero 15€ – ridotto (under 29, over 65, titolari di abbonamento del Teatro Bellini, cral, convenzioni) 10€

Orari: venerdì e sabato 21.15 – domenica 18.30

 

Teatro Bellini

Via Conte di Ruvo, 14, 80135 Napoli

Telefono: 081 549 1266

http://www.teatrobellini.it/

 

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Rosa Auriemma
Rosa Auriemmahttps://www.facebook.com/lalingua.langue/?fref=ts
Ha conseguito la laurea triennale in Lettere e Magistrale in Filologia Moderna presso L'università degli studi di Napoli "Federico II" con il massimo dei voti, discutendo una tesi in Storia della lingua italiana su un autore napoletano secentesco. Sin da piccola ha coltivato la passione per la scrittura e il giornalismo. Appassionata di linguistica e dialettologia, per scopi di ricerca ha fondato un blog tematico "La Lingua Langue", corredato da canale youtube al fine di divulgare contenuti multimediali e multiculturali.

Articoli recenti

Rubriche