mercoledì 22 Maggio 2024
HomeAppuntamentiGli alunni dell'Aldo Moro recitano gli antichi mestieri

Gli alunni dell’Aldo Moro recitano gli antichi mestieri

La Napoli di un tempo, rivive attraverso lo spettacolo dei bambini dell’istituto comprensivo Aldo Moro

Tradizioni, personaggi e antichi mestieri per mantenere vive le proprie radici 

recita scuola Casalnuovo
recita scuola Casalnuovo

CASALNUOVO. Un viaggio nel tempo e nei suoni di una Napoli autentica, popolare. La stessa Napoli che raccontava Viviani, con le voci di mercato e gli antichi mestieri.

recita scuola Casalnuovo
recita scuola Casalnuovo

Un quadro di una città verace e genuina, che mette al centro le proprie radici e le proprie tradizioni per poterle fissare nel tempo, e mai più scordarle. Questo il vero significato della rappresentazione dei bambini delle classi II D e III D dell’Istituto Comprensivo “Aldo Moro- plesso Mennella” di Casalnuovo, che hanno affascinato, lo scorso 22 dicembre,  la fitta platea di spettatori, offrendo loro, uno scorcio di quel “teatro a cielo aperto”, che contraddistingue da sempre il capoluogo partenopeo.  Dallo scugnizzo a Pulcinella, dal pizzaiolo al “castagnaro” , e così via, i bambini hanno riproposto un quadro dettagliato dello spettacolo che ogni giorno avviene nei quartieri e nei rioni popolari, riproponendo scene, parole, canti, termini e soprattutto mestieri antichi e ricordi oggi, purtroppo, sempre più sbiaditi.  “E’ necessario riappropriarsi del contatto con la propria identità, con le proprie radici – le parole  del dirigente Michelangelo RiemmaIl futuro di una società richiede inevitabilmente l’incontro tra i giovani e la storia – prosegue – e noi come scuola e quindi comunità educativa, abbiamo il dovere di trasmettere ai ragazzi la cultura della tradizione e, in questo caso, della napoletanità intesa come storia che contraddistingue il  nostro vissuto”. 

recita scuola Casalnuovo
recita scuola Casalnuovo

Dietro lo spettacolo, ovviamente, tanta preparazione, ed uno studio affrontato dettagliatamente durante le lezioni in aula grazie alle insegnanti, Claudia Capuozzo, Teresa Castiello, Caterina De Sena, Pasqualina Bernardo, Benedetta La Montagna e Giuseppina Bruno, che hanno anche curato regia, scenografia e costumi, supportate dalle mamme dei giovanissimi e bravissimi attori.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche