venerdì 24 Maggio 2024
HomeAttualitàGragnano. Finanziamenti annunciati e mai arrivati

Gragnano. Finanziamenti annunciati e mai arrivati

Condividiamo le parole ed il richiamo del sindaco Paolo Cimmino, preoccupato giustamente per la situazione critica e fatiscente dei plessi scolastici cittadini.
Quando si tratta di alzare la voce per garantire la sicurezza dei nostri bambini, non possono naturalmente esistere posizione divergenti tra maggioranza ed opposizione, e quindi così come fummo soddisfatti del fatto che la Regione Campania incluse tra le istanze ammissibili e candidabili nel Piano Triennale dell’Edilizia Scolastica, gli interventi di adeguamento sismico e degli impianti ed eliminazione delle barriere architettoniche di tre plessi scolastici, adesso ci uniamo all’appello del sindaco, affinchè il Miur approvi con proprio decreto la Programmazione Unica Nazionale degli interventi per l’edilizia scolastica e ripartisca le risorse economiche disponibili al fine di erogare agli enti locali i finanziamenti previsti.
Questa situazione inerente le scuole cittadine, ci spinge però anche a portare l’attenzione su altre tematiche, infatti non è la prima volta che assistiamo a dichiarazioni festose che annunciano con grande enfasi l’arrivo di finanziamenti e contributi, e poi invece queste risorse economiche tardano ad arrivare a distanza di tanti mesi e in alcuni casi addirittura di anni.
Un caso emblematico su tutti gli altri, riguarda il finanziamento per gli interventi di contrasto al rischio idrogeologico presso la nostra valle dei mulini, che sebbene i proclami, le celebrative dichiarazioni stampa e social, ancora ad oggi non abbiamo visto nulla di quanto enfaticamente annunciato.
Ci auspichiamo che anche per tanti altri finanziamenti ampollosamente decantati da esponenti autorevoli della maggioranza e considerati come imminenti, non bisogna poi scontrarsi con la realtà ed attendere purtroppo mesi e anni.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche