martedì 21 Maggio 2024
HomeAttualitàIl presidente del circolo delle libertà di Castellammare scende al fianco dei...

Il presidente del circolo delle libertà di Castellammare scende al fianco dei cittadini “Non bisogna pagare per servizi non resi”

CASTELLAMMARE DI STABIA. “SOS cartelle pazze” è il servizio andato in onda, nella giornata di ieri, sulla Tv della Libertà, avente ad oggetto le polemiche sorte a Castellammare di Stabia a seguito della decisione dell’amministrazione comunale di inviare ai cittadini gli avvisi di pagamento relativi ai servizi di depurazione e fogne. Servizi che, a dire dei cittadini, non sarebbero stati resi in tutta il territorio cittadino e quindi ripetono i cittadini: «il servizio non c’è, e io non pago». Di tutt’altro avviso l’amministrazione comunale, che per voce dell’assessore alle partecipate, Maurizio Apuzzo, fa sapere: «una sentenza del Consiglio di Stato dice che l’impianto di depurazione funziona e quindi il canone sulla depurazione è dovuto». Per quanto riguarda l’impianto fognario aggiunge l’assessore: «è vero che a Castellammare di Stabia alcune fogne non funzionano, e ciò accade perché l’impianto risale all’era borbonica. Conclusione – chiosa l’assessore – i cittadini devono pagare, perché devono contribuire in misura adeguata ad ottenere un servizio». A fianco dei cittadini è sceso Antonio Sicignano, presidente del Circolo della libertà di Castellammare di Stabia nonché vicepresidente dei Circoli della Campania. «Effettivamente – spiega Sicignano – si stanno notificando degli avvisi di pagamento per dei servizi che, o non vengono proprio dati, o vengono dati in misura ridotta. Riguardano la depurazione delle acque e il servizio fognature». Con riferimento alle dichiarazioni dell’assessore replica Sicignano: «un modo di amministrare curioso quello di basarsi su dichiarazioni di terzi, quando è di tutta evidenza che il servizio di depurazione funziona al 15 per cento della sua portata. Se l’assessore si recasse nella sede ove è ubicato il depuratore, si accorgerebbe che l’impianto, se pure funziona al quindici per cento, comunque non è idoneo, in quanto ritenuto obsoleto, tanto che ne è stato progettato un altro».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche