mercoledì 21 Aprile 2021
HomeAppuntamentiLa notte del lavoro narrato, serata di riflessione e di esperienze

La notte del lavoro narrato, serata di riflessione e di esperienze

POMIGLIANO D’ARCO. L’evento La notte del lavoro narrato approderà anche nella capitale industriale del sud. Mercoledì 30 Aprile 2014, a partire dalle ore 20.30, l’associazione culturale “La casa del popolo” aprirà le porte a tutti i cittadini, diversi per età, passioni ed idee, per parlare di lavoro.

Lavoro, in tutte le sue vesti: lavoro precario, lavoro carente, lavoro creativo, lavoro rubato, lavoro fatto bene e lavoro fatto male, lavoro preciso, lavoro com’era e lavoro come sarà. Ci si incontrerà per leggere, narrare, dare la parola ai giovani ed ascoltare le esperienze dei meno giovani, condividere momenti musicali e godersi una esposizione di stampe. Le organizzatrici nelle persone della professoressa Liana Guadagni e dell’ingegnere Giulia Bladier, spiegano come l’iniziativa, promossa dal professor Vincenzo Moretti insieme ad un gruppo di collaboratori tra i quali figura il regista Alessio Strazzullo, avrà luogo contemporaneamente in molte altre città dentro e fuori i confini nazionali.Il lavoro come motore delle esistenze, ramificazione delle relazioni, rispetto di sé e per gli altri, autonomia, indipendenza, voglia e capacità di tenere assieme. Il lavoro costruisce identità, sia come individui che come collettività, ed intrecciando storie passate alle speranze future rappresenta il filo di connessione tra tradizione ed innovazione. Insomma, il Lavoro … per cominciare!”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti