domenica 14 Aprile 2024
HomeComunicati stampaLa Società Campana di Immunoterapia Oncologica Espande le Sue Frontiere: Ora Anche...

La Società Campana di Immunoterapia Oncologica Espande le Sue Frontiere: Ora Anche i Paesi del Mediterraneo

Dal convegno della SCITO, che si svolgerà a Napoli venerdì 23 febbraio presso l’hotel Royal Continental, parte una nuova speranza per i pazienti affetti da melanoma metastatico finora non candidati ad alcuna cura.

Un team con le migliori professionalità specialistiche nel campo delle cure oncologiche dà vita a SCITO, la Società Campana di Immunoterapia Oncologica, creata dall’oncologo del Pascale, Paolo Ascierto . Società nata nel 2017 e che mai come quest’anno apre il suo convegno con l’obiettivo di allargarsi non solo alle regioni del Mezzogiorno di Italia, ma anche ai Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, Grecia, Turchia, Spagna appunto.

<La missione della Scito – dice il massimo esperto nel mondo nel campo del melanoma – è quella di incoraggiare l’educazione, la formazione e la ricerca sull’immunoterapia oncologica rivolgendosi a esperti colleghi di differenti discipline in quanto soltanto con la multidisciplinarità e la trasversalità si possono unire le forze e dare nuovi approcci e nuove opportunità di cura ai pazienti oncologici. Altro obiettivo d Scito è la promozione di studi clinici in quei setting di pazienti dove non c’è una frequenza della malattia importante. Si tratta per lo più di gruppi di pazienti resistenti alla chemioterapia, molto rari, con piccoli numeri, quindi, ma con bisogni importanti e proprio per questo società come la Scito possono intervenire laddove le aziende e la stessa Accademia se ne dimenticano>.

Il convegno venerdì all’hotel Royal Continental, a Napoli. In scaletta nomi dell’oncologia internazionale (Cesare Gridelli, Enzo Montesarchio, Luigi Buonaguro, Bruno Daniele, Antonio Avallone, Mario Mandalà, Hector Soto Parra, Evaristo Maiello). Ma anche moltissimi giovani. Ed è proprio dallo studio di una giovane oncologa, Maria Grazia Vitale, siciliana di origini, ma da anni al Pascale, e del biotecnologo Domenico Mallardo, entrambi del team di Ascierto, che parte una nuova speranza per i pazienti affetti da melanoma metastatico a cui, fino all’altro ieri, neanche l’immunoterapia veniva vista come un’ancora di salvezza. Si tratta di uno studio osservazionale retrospettivo che sta dimostrando come l’immunoterapia somministrata a pazienti con patologie autoimmuni, per definizione esclusi dall’immunoterapia, con multiplemetastasi, senza possibilità terapeutica, stanno rispondendo meglio di quelli senza autoimmunità e che la loro sopravvivenza è più ampia e la progressione della malattia più lenta.

<Numerosi studi – spiega Maria Grazia Vitale – sostengono l’intima relazione tra cancro e malattie autoimmuni, ma i meccanismi dettagliati e la fisiopatologia non sono stati chiariti, ponendo di fatto un ostacolo alla prevenzione e al trattamento della malattia stessa. I pazienti affetti da cancro con malattie autoimmuni sono stati esclusi dalla maggior parte degli studi sugli inibitori dei checkpoint immunitari a causa delle preoccupazioni sull’aumento del rischio e di eventi avversi correlati al sistema immunitario. Con questo studio abbiamo pertanto raccolto dati da 203 pazienti con melanoma metastatico in stadio III e IV non resecabili trattatci con checkpoint immunitari da aprile 2016 a dicembre 2022 presso il Pascale. Di questi, 41 pazienti (il 20 per cento) avevano una concomitante malattia autoimmune e quindi il restante 80 per cento, 162 pazienti, che avevano ricevuto l’immunoterapia sono stati utilizzati come gruppo di controllo>.

Lo scopo dello studio era ovviamente quello di confrontare in uno scenario reale l’efficacia e la sicurezza del trattamento con immunoterapia nella malattia autoimmune e nel gruppo di controllo. E vediamo cosa è emerso.

<La migliore risposta complessiva – dice Domenico Mallardo – dopo il trattamento con l’immunoterapia è stata del 46,3 per cento e del 32,7 per cento rispettivamente nel gruppo autoimmune e in quello di controllo. Nel gruppo di pazienti con malattia autoimmune la frequenza di interruzione permanente dovuta al peggioramento della malattia autoimmune è stata del 26,8 per cento. Il tasso di mortalità è stato del 29,3 per cento. In conclusione i pazienti con una malattia autoimmune preesistente hanno mostrato una migliore risposta. Considerando la complessità di questi ammalati, sono ovviamente necessari un approccio multidisciplinare e una rete ospedaliera per gestire la riacutizzazione dell’autoimmunità e gli effetti collaterali>.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche