lunedì 27 Maggio 2024
HomeAppuntamenti«Le terre di Don Peppe Diana», al via il Festival Nazionale dell'Impegno...

«Le terre di Don Peppe Diana», al via il Festival Nazionale dell’Impegno Civile

 CASERTA. Mille chilometri per raccontare i ”Partigiani del Bene – per una nuova liberAzione”, al via il Festival Nazionale dell’Impegno Civile, ottava edizione.

Mercoledì 10 giugno, alle ore 18.30, partirà l’ottava edizione del Festival Nazionale dell’Impegno Civile «Le terre di Don Peppe Diana», promosso dal Comitato Don Peppe Diana e dal Coordinamento provinciale di Libera Caserta. L’appuntamento si terrà presso il “campetto Nuvoletta”, bene confiscato alla camorra e dedicato alla memoria di Salvatore Nuvoletta, carabiniere assassinato dalla camorra nel 1982  (Marano di Napoli, 22 giugno 1962 – Marano di Napoli, 2 luglio 1982),  sito di fianco al Santuario della Madonna di Briano, tra i territori di Villa di Briano e Casal di Principe.

Il tema di quest’anno, nel settantesimo anniversario della liberazione dal nazifascismo e delle “21 Primavere” trascorse dall’uccisione di don Peppe Diana, è «Partigiani del Bene – per una nuova LiberAzione». L’obiettivo è puntare l’attenzione sulla storia di un territorio ribattezzato “Terre di don Peppe Diana”, fatto di uomini e donne che, di fronte a decenni di malaffare, affarismo, corruzione e indifferenza, hanno scelto di stare da una parte ben precisa e di dare vita a una vera guerra partigiana di resistenza.

Il simbolo della resistenza sono i beni confiscati alla criminalità organizzata, dove sono nate straordinarie esperienze di economia sociale e civile, occasione sana di aggregazione giovanile e di reinserimento lavorativo di soggetti svantaggiati, spazi densi di attività dove quotidianamente cresce una nuova cultura. Il programma del Festival che si chiuderà l’8 agosto, prevede numerose tappe di incontri, concerti, spettacoli, presentazioni di libri, teatro e cinema, nelle province di Caserta, Napoli, Avellino e Benevento.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche