giovedì 18 Aprile 2024
HomeAttualitàMinacce a testimone di giustizia a Somma, l'associazione Caponnetto: "Arrestate i delinquenti"

Minacce a testimone di giustizia a Somma, l’associazione Caponnetto: “Arrestate i delinquenti”

SOMMA VESUVIANA. Minacce ad un testimone di giustizia e dei Carabinieri di scorta a Somma Vesuviana, l’associazione nazionale “Antonino Caponnetto” chiede giustizia al Ministro.

“Non consentiamo più le minacce! I delinquenti vanno arrestati immediatamente senza lasciarsi prendere dalle pastoie e dalle lungaggini della burocrazia”, scrive l’associazione nazionale “Antonino Caponnetto” per la lotta contro le illegalità e le mafie.

L’associazione è intervenuta nel caso specifico in difesa di un testimone di giustizia minacciato unitamente ai militari dell’arma locale di scorta, ed ha scritto una lettera-esposto al Ministro dell’Interno, al Prefetto ed al Procuratore Capo di Napoli, per chiedere di assicurare immediatamente i delinquenti alla giustizia.

Minacce gravissime sono state proferite da alcuni delinquenti, presumibilmente appartenenti ad organizzazioni camorristiche, all’indirizzo di un Testimone di Giustizia e dei Carabinieri di scorta a Somma Vesuviana.

Nemmeno la presenza degli uomini dell’Arma ha indotto questi criminali ad esimersi dal pronunciare parole che suonano minaccia anche nei confronti dell’Arma e dello Stato,oltre che della persona del Testimone di Giustizia”, scrive il segretario nazionale dell’associazione, Elvio Di Cesare, “Minaccia,peraltro, talmente grave che avrebbe dovuto comportare l’arresto seduta stante.

Questa Associazione chiede alle SS.LL – e, in particolare, al Procuratore Capo della Repubblica di Napoli – di emettere immediatamente le misure restrittive previste dalla legge nei confronti di coloro che minacciano, oltre che singole persone, i rappresentanti delle legge medesima“.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche