martedì 18 Giugno 2024
HomeCultura e SpettacoliMusica. Alchimia, magia e spiritualità intervista al duo: "Emian"

Musica. Alchimia, magia e spiritualità intervista al duo: “Emian”

MONTEFORTE IRPINO(AV). Intervista agli Emian: band nata nel 2011.

Intervista al particolarissimo duo “Emian” , band nata nel 2011. Il loro genere musicale è il pagan/folk , che abbraccia la musica celtica e scandinava, passando per le ballate medioevali fino a ai canti sciamanici. Il duo è composto da Emilio Antonio Cozza e Anna Cefalo (il nome della band sono infatti le loro iniziali) dopo l’incontro con Danilo Lupi e Martino D’Amico. L’ alchimia prende forma e sostanza, divenendo Emian pagan/folk. Il loro ultimo disco “Egeria”, ispirato alla “prima viaggiatrice che ha documentato il viaggio verso la terra santa”.

  1. QUANDO SONO NATI GLI EMIAN?

Anna:” Gli Emian, nascono il 21 Dicembre 2011, fummo invitati per una serata a tema Natalizio, poi abbiamo scoperto che in quella data per alcune religioni antiche, si festeggia Yule, solstizio di inverno, in cui c’è il passaggio dal buio alla luce”.

2. QUANDO NASCE IL PRIMO ALBUM?

EMILIO:” Nel momento di una forte richiesta da parte del pubblico, volevamo iniziare un percorso progettuale musicale. Come in un matrimonio, dove si gettano le basi e le fondamenta per un sodalizio. Entrambi avevamo la passione per la musica dell’area celtica e scandinava”.

ANNA:”Il primo album “Acqua&Terra” è un omaggio alla nostra terra adottiva, l’Irpinia che ci ha accolti. Acqua come elemento femminile e Terra come elemento di accoglienza, infatti il nostro primo videoclip è una preghiera alla Terra girato sul fiume Calore”.

3. POI?

ANNA:” L’incontro con Danilo Lupi e Martino D’ Amico, ha ampliato il progetto, è nato KHYMEIA nel 2014, l’album è dedicato all’alchimia che esiste tra l’aria e il fuoco, e all’alchimista che ha il dovere di trasformare, abbiamo ricercato vari testi antichi e li abbiamo rimodellati, attraverso l’utilizzo degli strumenti del tempo antico in un nuove sonorità.”

4. E QUINDI COME NASCE “EGERIA”?

EMILIO:” Egeria era una pellegrina del 383 d.C., la prima viaggiatrice che ha documentato il viaggio verso la terra santa. Ci ha affascinato, l’idea del viaggio, quello in cui siamo.”

ANNA:” Da aggiungere, che Egeria era anche una ninfea del Pantheon Romanico Italico, abbiamo voluto completare un cerchio magico attraverso, gli elementi, con Egeria parliamo di spirito.”

Attraverso la musica gli Emian odierni alchimisti, modellano i suoni per trasformali in musicalità.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche