giovedì 13 Giugno 2024
HomeArte & CulturaNapoli Capitale del Noir: Il Capitano Mariani e Giovanni Taranto Protagonisti al...

Napoli Capitale del Noir: Il Capitano Mariani e Giovanni Taranto Protagonisti al Festival del Giallo

Dal 23 al 26 maggio, Napoli ha ospitato la terza edizione del “Festival del Giallo”, trasformandosi ancora una volta nella capitale italiana del noir, del poliziesco e del crime. La kermesse, organizzata da Ciro Sabatino con la presidenza di Maurizio de Giovanni, ha visto la partecipazione di numerosi autori di spicco e appassionati del genere, nella splendida cornice della Floridiana.

Tra i protagonisti indiscussi del festival, il Capitano Mariani e il suo autore Giovanni Taranto hanno brillato sulla scena nazionale del giallo. Taranto, giornalista di Torre Annunziata, ha ottenuto un posto in finale nel prestigioso concorso “Giallo Mondadori” con il suo nuovo racconto, consolidando ulteriormente la sua reputazione. Inoltre, è stato inserito nella recentissima pubblicazione “Storia del giallo di Napoli”, un riconoscimento significativo per il suo contributo al genere.

Durante il festival, Taranto ha avuto l’opportunità di confrontarsi con Carlo Lucarelli, che ha elogiato il suo terzo romanzo “Mala fede” (Avagliano editore). Un momento clou è stato il panel del 24 maggio, dove Taranto ha intervistato Valerio Varesi, autore del Commissario Soneri, esplorando i paralleli tra il mondo delle nebbie del Parmense e la terra del Vesuvio.

Non sono mancati altri momenti di rilievo per Taranto: il suo racconto “Il piano perfetto”, come abbiamo accennato, è stato finalista al premio “Gialli Mondadori – Gialli.it” e due suoi racconti brevi – “La caprese senza penZieri” e “il segreto della zuppa” – sono stati pubblicati nella raccolta “Le ricette avvelenate del club dei delitti di carta” (Gialli.it edizioni) curato dagli “Irregolari del Festival” coordinati da Anita Curci, presentata durante il festival.

Nel racconto “Il Piano perfetto” ha fatto il suo esordio un nuovo personaggio nato dalla penna dell’autore oplontino: il commissario Franco Palumbo. Questo investigatore molto particolare della “omicidi” napoletana opera nel Vesuviano, ma la narrazione è ambientata negli anni ’70, proiettando i lettori due decenni indietro rispetto alla saga di Mariani.

L’inserimento di Taranto nella “Storia del giallo di Napoli” rappresenta un importante riconoscimento per l’autore, descritto come l'”erede di Giancarlo Siani” e destinato a diventare uno dei più importanti autori di gialli in Italia.

Il Festival del Giallo ha confermato ancora una volta Napoli come punto di riferimento per gli amanti del genere, offrendo un palcoscenico di prestigio per autori emergenti e consacrati. Giovanni Taranto, con il suo Capitano Mariani e il nuovo commissario Palumbo, continua a consolidare la sua posizione come una delle voci più promettenti e originali del panorama giallistico italiano.

Nella foto: Giovanni Taranto tra Carlo Lucarelli e Franco Forte

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche