venerdì 14 Giugno 2024
HomeAttualitàNapoli, Confapi: Palazzo Fuga rilancerà centro storico

Napoli, Confapi: Palazzo Fuga rilancerà centro storico

Il presidente Marrone: accordo esempio virtuoso collaborazione istituzionale

NAPOLI – «La riqualificazione di Palazzo Fuga potrebbe essere la chiave di volta per il definitivo rilancio. Finalmente, mercoledì, dopo anni di chiacchiere e promesse, il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano e il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi hanno firmato il protocollo d’intesa per il cosiddetto “Albergo dei poveri”». Lo afferma Raffaele Marrone, presidente di Confapi Napoli.

«L’importante palazzo, la cui costruzione è iniziata ai tempi dei Borbone, vedrà finalmente una destinazione d’uso finale. Nei progetti di Ministero e Comune, al suo interno nascerà un grande polo. Accoglierà la succursale del MANN, una biblioteca moderna, una scuola di specializzazione dell’Università Federico II ed eventi di carattere internazionale. Un progetto importante, quindi che potrà aiutare la zona di piazza Carlo III, e tutta la città, a ottenere lo sviluppo che merita. Anche da chiuso, infatti, la storica struttura riesce a catalizzare l’attenzione di turisti e cittadini per la sua importanza storica e architettonica. Alla fine del percorso di riqualificazione, con gli oltre 100mila metri quadri di spazi da poter utilizzare per attività culturali, potrà diventare un faro nel degrado. Un tassello fondamentale per rilanciare la Capitale del Sud Italia» sottolinea Marrone.

«Un successo raggiungibile soprattutto se continuerà quest’ottimo clima di dialogo e sinergia – sottolineato anche dagli stessi Sangiuliano e Manfredi – tra Governo ed Amministrazione partenopea. Perché oggi, aldilà degli schieramenti politici, serve che tutti gli attori in campo lavorino in un’unica direzione per il bene della comunità» conclude il presidente di Confapi Napoli. (L’ufficio stampa)

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche