sabato 22 Gennaio 2022
HomeAttualitàNapoli. Misure anticovid. La strada dei pastori senso a unico pedonale

Napoli. Misure anticovid. La strada dei pastori senso a unico pedonale

Da oggi senso unico pedonale in via San Gregorio Armeno, la celebre strada dell’arte del presepe di Napoli, presa d’assalto man mano che ci si avvicina al Natale.

Per regolare il flusso delle persone, ecco la decisione del Comune per evitare assembramenti, tanto che i vigili urbani presenti sul posto possono anche temporaneamente bloccare l’accesso per consentire lo smaltimento delle code.

“Tanta gente in giro anche oggi, un traffico enorme che però ci mette un po’ in difficoltà, con tanti che si scocciano di aspettare, ma era preventivabile, il lavoro in questo periodo va così”. Marco Ferrigno parla dal suo negozio di presepi a San Gregorio a Napoli che da oggi è a senso unico per le persone nel week end che avvicina a Natale. Un senso unico confermato quest’anno da oggi, che fa i conti anche con il covid, ma che porta la strada particolarmente piena di turisti che affollano il centro partenopeo da settimane. Il presepe attira tante persone, ma come spiega Ferrigno, non sempre la folla per il presepe è sinonimo di affare. “La quantità di persone – spiega Ferrigno – non è sinonimo di affari soprattutto nel week end, ma noi ci siamo, a disposizione di tutti. Poi chi vuole davvero fare collezione, chi vuole comprare, e arricchire il suo presepe, sa che è meglio venire durante la settimana”. Ferrigno lavora nel negozio con la famiglia e i collaboratori, in un’epoca caratterizzata anche dal covid “e infatti abbiamo tanti personaggi del presepe con il green pass che i tanti clienti stanno molto apprezzando, stiamo facendo di diverse misure perché molti li acquistano”. Green pass anche sul presepe ma anche ricordo di Maradona a un anno dalla sua scomparsa, e sguardo anche ai grandi avvenimenti internazionali, come ha fatto anche Genny Di Virgilio: “Ho lavorato a chiudere un presepe con le lanterne verdi che guarda ai profughi tra la Bielorussia e la Polonia. Migliaia di persone chiuse davanti a quella frontiera e a cui guardiamo con lo sguardo del presepe di Napoli. È una vicenda di forte peso e ci ho lavorato con le lanterne verdi per cercare un rifugio per loro”. Di Virgilio spiega che anche in quest’epoca con il covid i turisti sono tantissimi a frequentare la strada con decine di artigiani del presepe, che guardano all’attualità ma anche alla tradizione: “La strada è presa tutto l’anno da un lavoro differente, iniziamo a gennaio con la preparazione per l’anno appena iniziato, dopo Natale. Lavoriamo tutto l’anno noi e gli altri colleghi con la famiglia e i collaboratori, anche i giovani che hanno voglia di impegnarsi in questo lavoro di tradizione. Lavoriamo tutti per dieci mesi e poi a novembre e facciamo l’allestimento delle vetrine e della vendita più forte. Siamo sulla fase buona della ripartenza e mi auguro che andiamo bene così anche in questo finale di 2021”. Il controllo del senso unico è garantito dalle forze dell’ordine del Comune di Napoli, oltre a questo week end, si prende senso unico anche martedì 7 e mercoledì 8 dicembre, sempre dalle 9 alle 21 e poi ancora ogni week end dal venerdì alla domenica.

L’ordinanza per la via del presepe verrà eseguita a partire dal 4 al 24 dicembre 2021. Precisamente, ogni fine settimana fino a Natale, nei giorni a ridosso dell’Immacolata e per tutta la settimana che precede il 24 dicembre il senso unico pedonale sarà a salire, cioè dall’incrocio con via San Biagio dei Librai-Vico Figurari in direzione Piazza San Gaetano.

 

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti