lunedì 4 Marzo 2024
HomeAttualitàOrfani, protocollo d’intesa tra Tribunale di Minori, Procura e Cooperativa Irene ‘95

Orfani, protocollo d’intesa tra Tribunale di Minori, Procura e Cooperativa Irene ‘95

Napoli. Un protocollo d’intesa a favore degli orfani speciali è stato siglato tra il Tribunale per i Minorenni di Napoli, la Procura presso lo stesso tribunale e la Cooperativa Sociale Irene ‘95, ente capofila del progetto Respiro.

L’intesa, firmata dalla presidente del tribunale Paola Brunese, dalla procuratrice Maria de Luzenberger Milnernsheim e dal presidente di Irene ’95 Fedele Salvatore, prevede l’impegno da parte del Tribunale per i Minorenni e della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni nelle sue competenze di indagine in ambito civile, a disporre la presa in carico dei minori orfani speciali ai servizi sociali e sanitari territorialmente competenti, che dovranno raccordarsi con l’equipe del progetto Respiro per gli interventi da attuare.

Il Tribunale per i Minorenni, in funzione dell’affidamento dei minori, provvederà ad incaricare i servizi sociali e sanitari in coordinamento con l’equipe del progetto Respiro, per l’attivazione degli interventi a supporto dei minori e delle famiglie che accolgono gli orfani speciali.

Scopo dell’accordo è anche quello di condividere la definizione di un modello strutturale di presa in carico degli orfani speciali, attraverso la collaborazione inter-istituzionale degli enti firmatari, per facilitare e rendere tempestive, puntuali ed efficaci le azioni elencate.

Il progetto Respiro, nel corso dei primi due anni di attività, ha censito 305 orfani minorenni sul territorio dell’Italia meridionale, agganciandone 123 e prendendone in carico 100. La cooperativa sociale Irene ’95 e il consorzio Co.Re., partner di progetto, sono gli enti di riferimento per gli interventi nel territorio della regione Campania.

Spero di contribuire alla proficua attuazione di questo protocollo perché è quanto mai opportuno muoversi per aiutare questi bambini che sono orfani due volte, perché perdono nello stesso tempo la madre e anche l’altro genitore – ha commentato la presidente del Tribunale per i Minorenni, Paola Brunese – Perdere un genitore è il lutto più grande per un bambino, perderlo in questo modo è terribile e richiede la comprensione, la sensibilità di tutti per tentare di elidere in qualche modo le conseguenze di quanto subito. Chiaramente è sempre poco rispetto a quello che si potrebbe fare però tentiamo, ognuno nel proprio piccolo, di dare un contributo per aiutare questi bambini”.

Anche la procuratrice presso il Tribunale per i Minorenni, Maria de Luzenberger Milnernsheim, ha espresso soddisfazione per l’intesa. “Ritengo la firma di questo protocollo molto importante, perché l’Italia a livello legislativo è molto avanti per la tutela degli orfani speciali, anche se manca qualcosa. Da una parte manca chi riesca a far fruire ai bambini orfani speciali tutti quei benefit, sovvenzioni, supporti che sono previsti. E dall’altra in Italia non c’è una vera e propria agenzia per le vittime e questi bambini sono spesso dimenticati e abbandonati a parenti che sono anche loro in lutto, e quindi anche in famiglia spesso non riescono ad avere il supporto necessario per uscire da questo trauma. E quindi è molto importante l’azione che fa il progetto Respiro per prendere in carico questi bambini, tenerli per mano e accompagnarli al meglio in quel percorso di vita purtroppo così segnato da questo lutto”.

Secondo il presidente della cooperativa sociale Irene ‘95 la firma è “un ulteriore passo avanti nella costruzione delle opportune sinergie interistituzionali e multiagenzia per costruire percorsi di prossimità agli orfani e protocolli chiari e definiti negli interventi a loro favore”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche