lunedì 4 Marzo 2024
HomeAttualitàPetizione per salvare il Centro Liguori, appello di Fornaro (Uici)

Petizione per salvare il Centro Liguori, appello di Fornaro (Uici)

SANT’ANASTASIA. Parte la petizione per salvare il Centro Liguori, appello del Consigliere Uici, Coordinatore Zonale, nonché Presidente A.S.D. Real Vesuviana, Giuseppe Fornaro al sindaco di Sant’Anastasia, Lello Abete.

Sindaco di Sant’Anastasia e amministrazione Comunale: Che Rivedano la decisione di penalizzare il Centro Liguori della maggior parte degli spazi per adibirli a caserma di carabinieri e si impegni a favorire le alternative su Change.org.

È importante. Puoi firmarla anche tu? Qui c’è il link:
http://www.change.org/p/sindaco-di-sant-anastasia-e-amministrazione-comunale-che-rivedano-la-decisione-di-penalizzare-il-centro-liguori-della-maggior-parte-degli-spazi-per-adibirli-a-caserma-di-carabinieri-e-si-impegnino-a-favorire-le-alternative-proposte/share/from_email?email_id=MCNQTAPMGJTZXABYUFWK&share_action=share&utm_medium=email&utm_source=signature_receipt&utm_campaign=new_signature

Riguardo alla questione Caserma dei carabinieri e Centro Liguori di Sant’Anastasia si leggono in questi giorni notizie contrastanti che ci costringono a ricevere centinaia di telefonate da associazioni , giornalisti, e semplici cittadini che ci chiedono chiarimenti sulla questione e sulle nostre reali situazioni e posizioni. Innanzitutto preciso che il Centro Liguori e’ attualmente Un Centro Polifunzionale destinato fin dalla sua nascita all’assistenza e riabilitazione di disabili ed infanzia a rischio sociale, in cui operano in regime di volontariato (senza compenso alcuno) Associazioni pro disabili come “Annabella ” “Solidarte”, associazioni di disabili come “L’Unione Italiana ciechi “,  “Real vesuviana” e Qua la mano, e’ l’associazione costituita dai genitori di ragazzi disabili allo scopo  di poter  diventare parte attiva   in tutte quelle attivita’ di progettazione, informazione e  realizzazione  di quanto si svolge per le attività destinate  ai giovani disabili, e infine la MIR, che si impegna per l’infanzia a rischio. Queste associazioni collaborano in progettualita’ che favoriscono non solo gli scopi delle categorie specifiche a cui sono dedicate, ma soprattutto lavorano a lungo termine per l’integrazione ,l’inclusione e la tolleranza sociale. Una delle nostre massime aspirazioni come cittadini appartenenti alle fasce deboli è anche quella di riuscire ad ottenere protezione e sicurezza, per cui la notizia dello sfratto dei carabinieri ci ha colpito negativamente in maniera molto sentita. Ritornando al Centro Liguori e senza voler commettere l’errore di essere approssimativi sulla più o meno estensione degli spazi, l’Amministrazione nemmeno due mesi fa, rendendosi conto delle condizioni difficili (economiche e strutturali) in cui si svolgono queste attività, promise una maggiore attenzione alle attività svolte dalle associazioni con potenziamenti alle progettualità sociali, nel frattempo, i sopralluoghi per la ricerca di una sistemazione ai C/c raggiungevano il centro Liguori e altre strutture in disuso, persino quelle edificate allo scopo di farne caserma con tanto di celle di detenzione ricevevano il sopralluogo. La riunione dei capigruppo tenutasi giovedì scorso concordava sul fatto che più scelte erano possibili evitando di penalizzare il centro disabili. Purtroppo cosi non sembra essersi conclusa, perché le associazioni sono state convocate dall’Amministrazione e dall’assessore al ramo per ragguagli sui dettagli delle trasformazioni, pur intercalando tra una obiezione e l’altra che la decisione non era ancora definitiva. In sintesi,le trasformazioni previste porterebbero ad una perdita di spazi con conseguente perdita di attività sensibile riduzione, ovviamente a discapito delle uniche persone che altro non riescono a fare che godere dell’offerta dei servizi o soffrire della loro mancanza. Noi Associazioni siamo deputate alla tutela degli interessi di chi non può farlo, diamo voce ai deboli, gridiamo per loro e per le loro famiglie , facciamo quel che possiamo per rendere la nostra società civile, perché nessuna società può definirsi tale se, quando c’è da rimetterci, nelle difficoltà, si chiede sempre a chi non ha la possibilità di dire no. Questo e’ quanto le Associazioni tengono a precisare, confidando nel buon senso della Nostra Amministrazione che saprà certamente trovare una soluzione a tutto questo senza penalizzare ulteriormente I disabili, ne quantomeno il nostro Corpo dell’arma dei carabinieri. Al consiglio comunale si è formata una commissione politica per ulteriore approfondimento. Nella commissione il rappresentante delle associazioni non fa parte, nella commissione però  ci sono i tecnici e anche i carabinieri che non sono parte politica.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche