giovedì 23 Settembre 2021
HomeAppuntamentiPresentazione libro Maresca, Ponticelli incontra il magistrato antimafia

Presentazione libro Maresca, Ponticelli incontra il magistrato antimafia

Napoli. Legalità e cultura, attesa per l’appuntamento letterario che si terrà domani, 22 maggio alle ore 16,30, con il magistrato antimafia Catello Maresca. La presentazione del suo ultimo libro “NCO le radici del male”, edito Rogiosi, si terrà a Ponticelli alla biblioteca comunale “Grazia Deledda” (l’evento si svolgerà nel rispetto di tutte le regole antiCovid), la manifestazione è promossa dal comitato civico “Rinascita Napoli est”, nello specifico dagli avvocati Stefano Marzatico e Pasquale Spina. Introdurrà Marzatico e sarà presente anche il magistrato e autore del libro Catello Maresca. Modererà l’incontro il giornalista Gerardo Verolino.

locandina presentazione libro
locandina presentazione libro

La presentazione si pone il principale obiettivo di essere una manifestazione “pro legalità”, da mesi il quartiere è teatro di una faida di camorra che sta terrorizzando i residenti. A parlarcene è l’avvocato Marzatico: «L’evento di domani va inquadrato in un progetto, nato mesi addietro, di rinascita culturale del nostro territorio. Il tutto nasce dall’esigenza di rifar riemergere la cultura, in tutte le sue sfumature umane e sociali, scalzata negli ultimi vent’anni da un processo involutivo voluto da chi ritiene che le periferie siano solo terra di conquista. La cultura, in tutte le sue accezioni, profuma di legalità e di bellezza ed la presentazione del libro del giudice antimafia Catello Maresca si colloca in maniera incisiva in tale ottica, se consideriamo poi gli ultimi eventi nefasti accaduti sul nostro territorio. Sono orgoglioso di appartenere alla comunità di Ponticelli e non tollero più che questo territorio sia solo legato ad eventi di criminalità organizzata. Questa è la nostra risposta ad un mondo buio che uccide i nostro figli! Alle bombe noi rispondiamo accogliendo un uomo che serve lo stato in prima linea contro le mafie nella biblioteca di Ponticelli».

stefano marzatico
stefano marzatico

L’avvocato Pasquale Spina commenta: «Questo è un evento che si contrappone ad una mentalità secondo cui l’anitstato sia l’unica via di riscatto. Al disastro sociale degli ultimi anni rispondiamo con eventi culturali di un certo livello. Questa è la via maestra per una rinascita sociale e culturale».

Il libro

Si sono dati la caccia per una vita: uno per arrestarlo, l’altro per ucciderlo. Si sono cercati, inseguiti: il magistrato e il camorrista, Francesco e Antonio. Trent’anni dopo, eccoli l’uno di fronte all’altro in un carcere di massima sicurezza. Il pm cinquantenne, generazione post ideologica figlia del boom economico: ha studiato Legge, Francesco, quando ha capito che i suoi sogni erano condizionati dai colpi dei clan, che si abbattevano anche sulla vita di famiglie borghesi, estranee alla camorra; e Antonio, il capo dei casalesi, in grado di abbattere la NCO di Cutolo, ma anche di rinnovarsi dopo l’omicidio Bardellino. Interrogatorio fiume, scorrono immagini feroci nella mente di Francesco: le lacrime di ragazzino, per il rogo della discoteca dei sogni, la mitica Seven up; il senso di impotenza dopo la morte di Giancarlo Siani; il grido di dolore di padre Rapullino, dopo l’omicidio del piccolo Nunzio Pandolfi; Disneyland che lascia Caserta per Parigi; e ancora morti misteriose di donne e uomini ingoiate dalla terra dei fuochi. Davanti a lui, uno dei responsabili di tutto ciò, che nel confessare si rivede, con nostalgia, da giovane nella pineta di Castel Volturno, assieme a una turista, prima di trasformare quel paradiso in una discarica europea. Storie vere, prospettive diverse, persone drammaticamente simili a quelle che hanno segnato la storia di bene e male dalle nostre parti. Storie che fanno di “NCO, le radici del male” una potente ricostruzione narrativa del fenomeno camorra dagli anni Settanta ai giorni nostri: dall’avvento di Cutolo (con il giuramento di Palillo) al sequestro Cirillo e all’omicidio del vicequestore Antonio Ammaturo, fino alla nascita della camorra casalese.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti