mercoledì 25 Novembre 2020
Home Attualità Rischio idrogeologico e qualità dell'aria, l'appello di Libera ai Comuni

Rischio idrogeologico e qualità dell’aria, l’appello di Libera ai Comuni

NOLA. Rischio idrogeologico per oltre 8 milioni di persone. Lo afferma il rapporto annuale dell’ Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale reso pubblico nel mese di agosto. Dati che hanno preoccupato Libera area nolana.

“La ricerca dell’ISPRA ha evidenziato dei dati particolarmente gravi e lampanti”, scrivono in una nota i vertici dell’associazione, “i cittadini che vivono con alle spalle un pericolo costante di poter subire da un momento all’altro un’alluvione oppure un’inondazione sono ben 8 milioni e 600 mila. Solamente durante l’anno scorso sono stati 211 gli eventi importanti legati al dissesto idrogeologico che hanno portato alla morte di 14 persone. Non solo, visto che i dati raccolti da ISPRA sottolineano anche come sul “capo” di sette mila scuole ed oltre 28500 siti archeologici ci sia il forte pericolo di frane”.
“ Ciò che emerge con maggiore evidenza da questa ricerca è il dato che si riferisce alla qualità dell’aria”, aggiungono, “infatti, nel 50% delle città che sono state oggetto di analisi la soglia giornaliera del PM10 è stata oltrepassata. La registrazione dei valori più alti è avvenuta nella zona padana e in diverse città del Italia centrale e meridionale, isole comprese. Aumenta anche l’inquinamento atmosferico e i suoi effetti negativi sul clima”.

L’associazione Libera – Presidio area Nolana “ Giuseppina Guerriero” invita le Amministrazioni dell’agro nolano ad uno sforzo di cooperazione e a predisporre degli strumenti di organizzazione e tutela della nostra area. “L’ISPRA , nell’ultima relazione, ha sottolineato , tra le tante, due problematiche che attanagliano purtroppo anche la nostra area: la qualità dell’aria ed il pericolo di alluvioni. La prima è stata attenzionata nel 2015 grazie alla presenza di un’unica centralina della qualità dell’aria ubicata a San Vitaliano che da gennaio 2015 ha prodotto una serie di dati negativi. Dall’altra, sorvolando sugli allagamenti che ogni anno si registrano nella nostra area, non possiamo non ricordare la tragedia del 5 maggio del 1998, giorno in cui ci fù l’ Alluvione di Sarno, Siano, Bracigliano e Quindici. Enormi colate di fango che si riversarono sulle abitazioni sottostanti e che causarono la morte di 159 conterranei”.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Dalla generosità dei mariglianesi 100 tute di biocontenimento e tablet alla protezione civile “La salamandra”

Marigliano. Dall'arte e dalla generosità sono arrivati atti concreti. Accade a Marigliano grazie ad un gruppo nato su Facebook "L'arte per Marigliano" che ha permesso...

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Ecco le iniziative del Comune di S. Gennaro

San Gennaro Vesuviano. Il Comune si "tinge" di rosso per dire "no" alla violenza sulle donne. Ma non soltanto, altre iniziative saranno messe in...

Conferenza fiume Sarno: tra storia ed archeologia, videoconferenza del Rotary

Poggiomarino. Il Rotary Club Poggiomarino Vesuvio Est, nell’ambito del suo impegno per la salvaguardia e la conoscenza del territorio vesuviano, ha organizzato per giovedì...

Sanzionati per essersi spostati in un altro Comune senza motivazione, controlli a San Giuseppe

San Giuseppe Vesuviano. Controlli per verificare il rispetto della zona rossa. Questa mattina la polizia locale di San Giuseppe Vesuviano (agli ordini del tenente...

Sisma Irpinia, Ordine architetti: abbiamo imparato poco o nulla da tragedia

Da «Fate Presto» a «Fate Prima»: è necessaria una prevenzione civile NAPOLI – Alle 19.34 del 23 novembre 1980 la terra tremò per 90 secondi....
- Advertisment -