giovedì 13 Agosto 2020
Home Attualità Rischio Vesuvio, è possibile trasferirsi nelle province campane: il progetto

Rischio Vesuvio, è possibile trasferirsi nelle province campane: il progetto

Evacuazione dalla zona rossa del Vesuvio, è possibile trasferirsi nelle province campane. Ecco il progetto “Convivenza Vesuvio”. Lunedì 22 febbraio conferenza stampa ad Eccellenze Campane con Luca Capasso e Paolo Scudieri.

Non più un esodo verso le regioni d’Italia, ma un trasferimento razionale in quattro province della Campania, evitando così di allontanare la popolazione dai propri affetti e dai propri interessi culturali, sociali ed economici. È il progetto “Convivenza Vesuvio”, messo a punto dalla Fondazione Convivenza Vesuvio e già recepito dalla legge regionale n.13 del 2008. Riguarda tutti gli abitanti dei Comuni della zona rossa del Vesuvio chiamati, in caso di eruzione del vulcano, a lasciare le proprie abitazioni. L’attuale piano della Protezione Civile prevede uno spostamento nelle restanti regioni dell’Italia, “Convivenza Vesuvio”, invece, indica la possibilità di un allocamento nelle province campane.

- Advertisement -

Ottaviano è il primo Comune della zona rossa ad aver aderito al progetto, con la firma di un protocollo d’intesa i cui dettagli verranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà lunedì 22 febbraio alle 11 nei locali di Eccellenze Campane, in via Brin 69 a Napoli.

Parteciperanno il sindaco di Ottaviano Luca Capasso, il patron di Eccellenze Campane Paolo Scudieri e il presidente della Fondazione Convivenza Vesuvio Vincenzo Coronato.

Il progetto si propone di anteporre il concetto di opportunità a quello di emergenza, evitando il drammatico sradicamento della popolazione dalla propria terra e la conseguente dispersione in tutta Italia. Il team della Fondazione ha individuato 4 aree in provincia di Caserta, Benevento, Avellino e Salerno con scarsa densità abitativa e  significativa presenza di alloggi disabitati, dove i residenti dei Comuni della zona rossa del Vesuvio potrebbero essere trasferiti in caso di eruzione.

“Si tratta di sensibilizzare la popolazione nei confronti del rischio vulcanico ma anche di indicare una opportunità diversa da un esodo che sarebbe drammatico. Abbiamo sposato l’idea della Fondazione perché ci sembra credibile e basata su dati concreti”, spiega il sindaco Luca Capasso.

Costituita nel 2008, la Fondazione Convivenza Vesuvio è stata premiata dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ed ha ricevuto il riconoscimento giuridico della Provincia di Caserta.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

L’attore di Terzigno Mario Grazio Balzano tra i protagonisti di Un posto al Sole

Terzigno. Dopo anni di gavetta e di duro lavoro improntato sulla continua ricerca della tecnica della recitazione teatrale, l'attore vesuviano Mario Grazio Balzano,...

Somma. Il sindaco: “Vietati gli assembramenti, usate la mascherina e quarantena per chi rientra dall’estero”

Somma Vesuviana. Di Sarno: “Obbligatoria la mascherina al chiuso, sempre! Tassativamente vietato entrare in tutti i luoghi chiusi senza la mascherina. Si raccomanda comunque...

Nella notte di San Lorenzo scopre una falsa associazione con 24 lavoratori in nero spacciati per “volontari”

Pozzuoli. Il Gruppo della Guardia di Finanza di Giugliano, nel corso di diversi controlli operati la notte di San Lorenzo nei confronti di aziende del...

Cerimonia per Immobile: “Non c’è gloria, non c’è vittoria senza il sacrificio”

FOTOGALLERY di Alfonso Auriemma Torre Annunziata. Non è la prima volta che il figliuol prodigo torna a casa, ma mai così decorato, mai con tanti...

Usura ed estorsione a Castellammare, in carcere anche il terzo uomo

CASTELLAMMARE DI STABIA. Arrestato il giovane 29enne si è costituito oggi pomeriggio alle 19. É stato arrestato anche il terzo indagato che questa mattina è...
- Advertisment -