lunedì 4 Marzo 2024
HomeAttualitàS.Giuseppe. "Non si possono prendere in giro i cittadini, sindaco assente alla...

S.Giuseppe. “Non si possono prendere in giro i cittadini, sindaco assente alla manifestazione NO Gori”.

San Giuseppe Vesuviano – Sabato 17 gennaio a Napoli si è svolta la manifestazione organizzata dai comitati che si battono per la ripubblicizzazione dell’acqua e la liquidazione della GORI. Migliaia di cittadini del vesuviano e dell’agro-nocerino-sarnese hanno manifestato per il diritto ad una gestione pubblica ed efficiente del servizio idrico. In piazza anche 28 sindaci, molti dei quali aderenti alla “Rete dei sindaci dell’ato3 per l’acqua pubblica”.

“Sabato in piazza c’erano tanti cittadini e molte amministrazioni comunali, con tanto di gonfalone. Grave l’assenza di San Giuseppe Vesuviano” – dichiara Agostino Casillo, capogruppo Vocenueva Libera San Giuseppe. “E’ passato più di un mese dall’approvazione all’unanimità della nostra mozione in Consiglio comunale, ma ad oggi attendiamo ancora un atto ufficiale di sindaco e Giunta di adesione alla Rete che punta alla liquidazione della GORI. Tutte le forze politiche presenti in Consiglio hanno espresso la volontà di andare verso la ripubblicizzazione del servizio idrico, ora il Sindaco non può più nascondersi. Noi siamo con i cittadini che continuano a subire disagi, disservizi e distacchi.”

“Su questo tema non ci devono essere tentennamenti” – continua Antonio Borriello, consigliere dello stesso gruppo. “È una battaglia che va combattuta insieme. Mantenere una posizione ambigua, dopo il voto in consiglio comunale, vuol dire prendere in giro i cittadini. I comitati e gli amministratori presenti sabato a Napoli hanno detto chiaramente alle istituzioni regionali che bisogna mettere fine alla fallimentare gestione Gori, così come al commissariamento dell’Ato. Oggi l’acqua è in mano a privati e questo non è più tollerabile. Il sindaco dimostri che i diritti dei cittadini vengono prima dei legami politici e si impegni in questa battaglia come il consiglio gli ha chiesto di fare”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche