venerdì 24 Maggio 2024
HomeAttualitàSan Vitaliano, operaio ferito sul lavoro, parla il figlio

San Vitaliano, operaio ferito sul lavoro, parla il figlio

SAN VITALIANO – Due incidenti, a distanza di poche ore, hanno trasformato un turno di lavoro in un pomeriggio da incubo per Salvatore Esposito Mocerino, 52enne di Marigliano, operaio di una ditta che si occupa della lavorazione di rifiuti differenziati.

L’operaio, si è accidentalmente punto con l’ago di una una siringa e successivamente è stato colpito dal braccio di una macchina ragno, riportando un trauma cranico.

Quando i carabinieri della stazione locale sono arrivati sul posto di lavoro è emerso che l’operaio aveva battuto la testa contro il braccio di una macchina operatrice ferendosi in modo serio. L’uomo è stato trasportato dal personale del 118 all’ospedale di Nola, dove i sanitari gli hanno diagnosticato un trauma cranico commotivo con ferita lacero contusa alla regione occipitale. Le sue condizioni sono apparse in un primo momento serie tanto da ricoveralo in prognosi riservata. “Mi stavo dirigendo verso la mia auto e indossavo il giubbotto catarifrangente – racconta la vittima, Salvatore – quando all’improvviso sono stato colpito violentemente dietro la testa dal gancio di una macchina ragno. Credo di essere svenuto – prosegue – e quando ho ripreso i sensi mi trovavo nell’ambulanza”.
Suo figlio, Gennaro, racconta che nessun familiare era a conoscenza di questo grave incidente: “Nessuno ci aveva avvisati – dice – quando ho chiamato mio padre volevo accertarmi che avesse fatto tutti i controlli che per prassi vengono svolti quando involontariamente ci si punge con una siringa perché – spiega il figlio della vittima – nel pomeriggio mentre era al lavoro, si era punto con un ago ma, al telefono, mi ha risposto il personale medico, così, ci siamo recati subito in ospedale e abbiamo trovato mio padre in codice rosso”.
Salvatore non è in pericolo di vita ma è rimasto in osservazione in ospedale e per oggi è prevista una nuova Tac per verificare l’effettivo riassorbimento dell’emorragia. Intanto i militari dell’arma stanno svolgendo accertamenti per verificare se nella ditta sono state rispettate tutte le norme previste per la sicurezza sul lavoro.

 

 

 

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche