giovedì 24 Giugno 2021
HomeComunicati stampaSant'Anastasia. Cimitero senza acqua, Abete: "Dovere difendere i cittadini"

Sant’Anastasia. Cimitero senza acqua, Abete: “Dovere difendere i cittadini”

SANT’ANASTASIA. CIMITERO SENZA ACQUA IL SINDACO: E’ PRIORITARIO TUTELARE I CITTADINI

E’ stato necessario l’intervento di stamattina del sindaco e dell’assessore Bruno Beneduce per assicurare al cimitero acqua e servizi igienici. Da giorni senza acqua per problemi burocratici da chiarire, il cimitero era divenuto oggetto di critiche e proteste da parte dei cittadini, che avevano fatto eco sui social ed avevano raggiunto il sindaco e l’assessore al ramo in più occasioni. Il sindaco, che ha seguito la vicenda, questa mattina ha ottenuto dalla ditta che ha in concessione il campo santo un primo intervento tampone. Sono stati, infatti, messi in opera un serbatoio per l’acqua e bagni chimici.

“Per adottare i provvedimenti opportuni abbiamo chiesto informazioni agli uffici competenti, abbiamo visto la documentazione, stiamo approfondendo tutto l’iter e tutte le vicende burocratiche che hanno portato a questa situazione. E’ evidente che ci sono delle responsabilità che hanno portato a questa situazione incresciosa; il nostro compito come amministrazione è quello di verificare eventuali responsabilità e – dice l’assessore Bruno Beneduce – stiamo ripercorrendo tutto l’iter e tutte le vicende burocratiche che hanno portato a questa situazione. Nel frattempo, nell’interesse dei cittadini, che hanno il diritto di poter fruire in maniera decorosa e soprattutto igienica dei servizi al cimitero abbiamo ordinato alla società concessionaria di adottare tutti rimedi anche eccezionali e temporanei, come installare delle cisterne e dei bagni chimici, sino a quando non sarà ripristinata la regolare fornitura idrica. Ovviamente, una volta individuate delle responsabilità, adotterò i provvedimenti conseguenti”.

“Si è venuta a creare una situazione incresciosa e intollerabile; a mio avviso la mancanza d’acqua nel cimitero, da diversi giorni ormai, è una situazione che non è accettabile e, per quanto ci riguarda, non ha motivo di esserci. Abbiamo fatto la lettera di contestazione alla ditta, abbiamo avvisato i cittadini con un manifesto pubblico per far capire che, come Amministrazione, tuteliamo i diritti del cittadino. Il cimitero fu affidato a una società con un progetto di finanza da più di 10 anni e lo terrà per molti anni ancora. Non siamo qui a trovare i colpevoli, non è il momento. Da sindaco – dice Lello Abete – ho il dovere di difendere i cittadini che in questo momento stanno subendo un disagio che sicuramente non è dovuto all’amministrazione comunale e questo lo approfondiremo nei prossimi giorni e ognuno si prenderà le proprie responsabilità. I cittadini vengono prima di qualsiasi cosa, le esigenze e bisogni dei cittadini vanno tutelati, i diritti dei cittadini vanno tutelati e i problemi creati da terzi vanno risolti; è importante che il servizio sia stato ripristinato poi verificheremo tutto quello che c’è da verificare”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti