lunedì 26 Settembre 2022
HomeAttualitàSomma. Nasce un centro d' ascolto per le donne

Somma. Nasce un centro d’ ascolto per le donne

SOMMA VESUVIANA – Nel Centro ascolto Casamale, tutti i giovedì e venerdì nei mesi di maggio e giugno, si condivideranno esperienze ed emozioni attraverso il racconto di storie di vita che coinvolgono ed interessano il mondo femminile.

Il progetto, posto in essere dall’ associazione il Pioppo onlus, attraverso lo sportello “Ascolto Casamale”, si avvale di una struttura ideata per promuovere attività di sensibilizzazione, d’ informazione e di orientamento, all’ interno del quartiere Casamale e nel territorio di Somma Vesuviana. Infatti, il centro d’ascolto ha organizzato un’ importante iniziativa dedicata alle donne del territorio che prevede un ciclo di incontri dal titolo “Storie di Donne”.

“Un percorso di racconto e conoscenza di sé – dichiarano gli organizzatori del progetto – che si realizzerà attraverso l’ impegno di tutti i partecipanti: si potranno condividere esperienze e dubbi in uno spazio fisico/temporale di riflessione e contenimento per gestire e rivivere le proprie emozioni, dove poter ritrovare se stesse ed arricchirsi con e attraverso gli altri”.

Il Pioppo è un’associazione senza scopo di lucro che opera sul territorio della regione Campania attraverso un sistema polivalente di servizi, articolato in strutture residenziali, semi-residenziali e diurne, con interventi preventivi ed unità territoriali.

“Le attività svolte – spiegano i promotori dell’ iniziativa – sono prevalentemente indirizzate all’accoglienza, recupero e reinserimento sociale di ex tossicodipendenti, minori e giovani “a rischio di devianza”, ma le tematiche d’interesse dell’associazione riguardano più in generale i problemi connessi all’emarginazione sociale e all’ integrazione dell’ agio con il disagio”.

Il Centro polifunzionale integrato “Città Sociale”di Somma Vesuviana, infatti, offre diversi servizi: Comunità quartiere il Pioppo, Centro diurno time out, Comunità alloggio per minori “La Tartaruga”, Centro socio educativo “Lorenzo Milani”, Centro ascolto”Casamale” e Sportello donna ”Daphne”. Da sottolineare, infatti, proprio la realizzazione di uno sportello volto a combattere gli episodi di violenza di genere e sorto nell’ ambito della partecipazione ai programmi europei Daphne I e Daphne II, che hanno proprio lo scopo di dare supporto alle donne con problemi di dipendenza patologica vittime o a rischio di violenza sessuale

“ E’ attraverso queste strutture di accoglienza , i servizi per la lotta al disagio giovanile e all’emarginazione sociale, l’azione di formazione condotta nelle scuole, la lotta alle mafie e alle camorre, l’ apertura ai problemi dell’ immigrazione e del carcere – ci spiegano – che il Pioppo continua a sperimentarsi nella diversificazione delle modalità e degli ambiti d’ intervento”.

Nel cuore del centro storico di Somma Vesuviana, come prima risposta operativa, dopo l’ adesione del Pioppo alla rete sociale per la legalità, è nato il Centro ascolto Casamale: una struttura con modalità di accesso non selettiva, ideata per promuovere attività di sensibilizzazione, di informazione e di orientamento. Il centro d’ascolto ha già avuto notevoli riscontri all’ interno del quartiere Casamale e nel resto del territorio di Somma Vesuviana, infatti, il ciclo di incontri, che avrà una durata di circa due ore dalle 10:00 alle 12:00 per ogni incontro, ha prefissato una serie di appuntamenti nei giorni di giovedì e sabato: il 16 maggio il secondo appuntamento “ Comunicazioni e connessioni intergenerazionali”; 22 maggio “Donne e sessualità”; 6 giugno “La cultura materiale e il management familiare”.

Per ulteriori informazioni ed eventuali iscrizioni è possibile rivolgersi allo sportello “Ascolto Casamale”, Somma Vesuviana scrivendo all’ e-mail centrocasamale@libero.it oppure telefonando al 329 05 76 164 il mercoledì mattina, allo 081 899 43 07 dal martedì al venerdì mattina o allo 081 531 71 49 dal martedì al venerdì mattina.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti