giovedì 9 Febbraio 2023
HomeCultura e SpettacoliSomma Vesuviana. In scena al Summarte le emozioni con "Esseri Umani"

Somma Vesuviana. In scena al Summarte le emozioni con “Esseri Umani”

SOMMA VESUVIANA. “Esseri Umani”, lo spettacolo che ha commosso e puntato l’attenzione su diversi e delicati temi: Il bullismo, l’identità sessuale, l’autismo e l’Alzheimer. Andato in scena domenica, 22 gennaio, al teatro Summarte di Somma Vesuviana (Napoli) uno spettacolo dal titolo “Esseri Umani” che ha commosso e portato in scena diversi temi: Il bullismo, l’identità sessuale, l’autismo e l’Alzheimer. Questi temi, che nel 2023 risultano essere ancora dei tabù, toccano particolarmente il sociale e talvolta risulta  difficile parlarne. Le voci narranti hanno portato sul palco le loro esperienze personali ed hanno testimoniato per sensibilizzare e creare con il mezzo a loro disposizione (la parola): un circolo, una sinergia con la speranza che chi si ritrova nella stessa situazione possa sentirsi meno solo, non invisibile e soprattutto capito. Il dolore, la rivalsa, l’accettazione, la speranza e la forza interiore, l’amore per sé stessi, il calore della famiglia sono stati il filo conduttore che ha unito, toccato ed incorniciato un po’ tutte le storie. Spesso le famiglie si augurano più interesse da parte delle istituzioni e talvolta si sentono abbandonate ad affrontare da sole problematiche di una certa entità.

Gli ideatori dello spettacolo hanno così dato “voce” al “silenzio” per offrire un supporto morale ma anche pratico su come accogliere e superare quelle che sono da ritenersi, in fondo, esperienze di vita che segnano e insegnano. I diversi monologhi accompagnati da sottofondo musicale sono stati letti da coloro che hanno vissuto in prima persona le vicende. Alcune ballerine si sono esibite ed hanno con il loro corpo trasmesso emozioni associando ad ogni parola un movimento. Dopo ogni monologo è stato eseguito dal vivo un brano musicale, incentrato sulla tematica trattata.

Fanno parte del Cast: l’attore Giuseppe De Sio; i cantanti Soulfood Vocalist, Maryam Tancredi, Clemente Mezzacapo;  i musicisti Marco Santopietro, Enzo Servo, Dario Pappone ed i ballerini Ludovico Leone, Michelle Denichilo, Veronica Borsari. Per i monologhi sono state impegnate Federica Pinto, Vanalya, Stella Secondulfo, Susy Rea presidente dell’associazione “Su una Nuvola Blu” che si occupa proprio  di bambini affetti dai disturbi dello spettro autistico e del neurosviluppo e la giornalista Gabriella Bellini direttore del nostro giornale e componente della Commissione Pari Opportunità dell’Ordine dei Giornalisti della Campania che ha concesso il patrocinio all’evento. Hanno collaborato per la realizzazione dello spettacolo: Roberto Cimmino, Antonio Cimmino, Ferdinando De Simone, Emanuela Alaia ed il produttore esecutivo Maria Pangiroli. Gli ultimi ad esibirsi sono stati i bambini de” Il coro del II Circolo” accompagnati dalla chitarrista Titti Esposito. Ognuno di essi ha fatto volare un palloncino di colore diverso per indicare la leggerezza e la  bellezza delle diversità che si uniscono ed insieme creano un’unità, liberi di volare, liberi di essere.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti