lunedì 4 Marzo 2024
HomeEconomiaStellantis Pomigliano. 50% di adesione allo sciopero inclusi i trasfertisti di Melfi

Stellantis Pomigliano. 50% di adesione allo sciopero inclusi i trasfertisti di Melfi

A fronte di una produzione abituale per ogni turno di lavoro di 512 vetture (n. 306 Panda e 206 Tonale) stamane ne sono state prodotte in tutto solo 270 con una percentuale di adesione del 50% allo sciopero indetto da Slai cobas tra gli addetti ai turni di mattina e pomeriggio inclusi i 1.200 trasferiti loro malgrado da Melfi a Pomigliano e tutti comandati al primo turno.

Nonostante gli svariati e malriusciti tentativi messi in atto in questi mesi dall’ azienda per “rincorrere” le richieste di mercato nel vano tentativo di ovviare alle evidenti incapacità impiantistiche con l’ intensificazione selvaggia dei ritmi e dei carichi di lavoro, l’ eliminazione della mensa e l’ allungamento dell’ orario giornaliero e settimanale, ormai Stellantis nemmeno col prestigiatore riuscirà a recuperare le circa 70.000 vetture ad oggi mancanti dalle previsioni annue.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche