sabato 24 Settembre 2022
HomeAttualitàStrisce blu, malumori nella lottizzazione Carafa

Strisce blu, malumori nella lottizzazione Carafa

CERCOLA. Strisce blu, malumori nella lottizzazione Carafa. Il provvedimento attuato in città nel periodo delle festività pasquali dall’attuale amministrazione comunale, guidata da Vincenzo Fiengo ma deliberato con la passata consiliatura, tiene ancora banco scaldando la piazza cittadina.

Decisamente non piacciono gli stalli a pagamento in particolare all’interno della lottizzazione Carafa, un’area residenziale e commerciale. I commercianti di questa zona, infatti, sono stati i primi a ribellarsi al neo provvedimento e hanno voluto incontrare il primo cittadino.

Non solo. Con un manifesto è sceso in campo anche l’ex sindaco Pasquale Tammaro (promotore del progetto delle strisce blu), criticando aspramente l’attuale maggioranza e accusandola di aver modificato la delibera approvata dalla sua amministrazione, poiché sono stati aumentati gli stalli passando, di fatto, da 276, previsti con Tammaro, agli attuali 307. “L’attuazione delle attuali strisce blu a pagamento – dice Tammaro – rappresenta una precisa volontà politica dell’amministrazione Fiengo, sottoscritta con atto deliberativo di Giunta comunale e richiesta dal responsabile dell’Ufficio tecnico. Anche la sottoscrizione del contratto con la ditta appaltante – spiega – è avvenuta con Fiengo, quindi, è un provvedimento che hanno voluto”. La polemica si è accesa anche su Facebook, proprio dalla finestra del social network molti cittadini hanno espresso umori e malumori sulla novità degli stalli a pagamento, che hanno fatto capolino anche a Cercola. “Credo che le strisce blu non siano un danno economico né per i commercianti, né per i cittadini che vogliono parcheggiare, mezz’ora per fare la spesa costerebbe 26 centesimi – scrive Renato – il problema da risolvere è quello dei residenti – spiega – non si può chiedere una nuova tassa tipo abbonamento annuale”. Il sindaco Fiengo precisando che in termini legali non era possibile annullare la delibera, salvo more da pagare, aggiunge: “Si tratta di un provvedimento temporaneo: una sperimentazione per la nostra cittadina nelle aree con maggiori attività commerciali. Siamo attenti alle istanze mosse dai commercianti e dai cittadini al fine di migliorarne l’applicazione”.

fonte di Patrizia Panico da Il Mattino area sud-costiera

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti