martedì 16 Aprile 2024
HomePoliticaTerzigno. Interramento ville romane, Auricchio (Ala) interroga il ministro

Terzigno. Interramento ville romane, Auricchio (Ala) interroga il ministro

Terzigno. Interramento delle ville romane di Terzigno (Na), il senatore di ALA (Alleanza LiberalPopolare Autonomie) Domenico Auricchio interroga il ministro dei Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini per chiedere “chiarezza sulla gestione della vicenda”.

“Delle quattro ville distrutte dall’eruzione del 79 d.C., scoperte a cava Ranieri – scrive l’ex sindaco di Terzigno – soltanto tre sono state parzialmente scavate”, con il rinvenimento di importantissimi reperti archeologici. “Vere e proprie aziende vinicole – prosegue il parlamentare – le domus di Cava Ranieri sorgono su terrazze naturali alle pendici del Vesuvio; e il loro allineamento lascia supporre che si distribuissero in prossimità di una strada e di assi viari minori su essa convergenti, ipoteticamente la via da Pompei a Nola, del cui percorso non si conoscono ancora tracce”. Ebbene, sbotta ancora il senatore: “giorni fa tali ville sono state interrate su disposizione della Soprintendenza di Pompei”. Il tutto “all’insaputa della popolazione, che ha protestato energicamente, organizzando perfino cortei e sit-in”.
“Per realizzare l’interramento – rivela Auricchio – sono stati spesi ben 70 mila euro che avrebbero potuto essere utilizzati diversamente, magari per realizzare opere di protezione dei reperti e cominciare ad organizzare la fruizione dei siti per i visitatori”. “Considerato – conclude il parlamentare di ALA – che l’operazione di interramento rappresenta un incondivisibile occultamento della storia e delle origini di Terzigno e di Cava Ranieri, nonché una vanificazione degli sforzi fatti finora per portare alla luce tale patrimonio” si chiede al ministro Franceschini se “è a conoscenza di quanto avvenuto” e “quali azioni intenda porre in essere affinché, al contrario, si porti utilmente alla luce il patrimonio archeologico di indubitabile interesse, che merita di essere conosciuto nel mondo”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche