giovedì 18 Aprile 2024
HomeAttualitàScuola a via Bosco. "I nostri figli vivono disagi perenni, il Comune...

Scuola a via Bosco. “I nostri figli vivono disagi perenni, il Comune ci ignora”

SOMMA VESUVIANA. Senza acqua calda, con infissi mal funzionanti, senza aule adatte, senza sedie e banchi alcuni dei disagi che gli allievi della scuola media che ha la sede in via Bosco a Somma Vesuviana subiscono ogni giorno. Ora alcuni genitori denunciano la situazione e il mancato aiuto del Comune in una lettera che di seguito pubblichiamo.

Gentile Direttrice,

siamo un gruppo di genitori di Rione Trieste i cui figli frequentano la scuola media nel plesso del quartiere che si trova in via Bosco presso un immobile condotto in locazione dal Comune di Somma Vesuviana. Le scriviamo per portare all’attenzione di tutti i sommesi la difficile situazione che stanno ormai vivendo da mesi i nostri ragazzi, a causa di una caldaia mal funzionante, e per proporre una possibile soluzione. Lo spirito con cui scriviamo è quindi informativo e propositivo e non polemico e strumentale. Siamo infatti educati alla collaborazione con le istituzioni e con il Preside della San Giovanni Bosco – Summa Villa e con il Consiglio di Istituto della stessa, all’interno del qual siedono tre consiglieri (su sei della componente genitori) eletti nel nostro plesso, intratteniamo da tempo un rapporto diretto e rispettoso dei ruoli.

Ecco i fatti relativi alla sola questione caldaia –anche se in realtà i problemi del plesso sono tanti: aule piccole, infissi non funzionanti, mancanza di palestra e spazi dedicati, mancanza di banchi e sedie, nonché all’ esterno assenza di segnaletica orizzontale adeguata e visibile, assenza di marciapiedi o marciapiedi non percorribili per presenza di auto o pavimentazione inesistente. Il primo dicembre, mentre in tutte le scuole della Regione Campania venivano accesi i riscaldamenti, nel nostro plesso rimanevano spenti e le lezioni venivano iniziate in condizioni contrarie alle norme sulla sanità pubblica. Il problema, ad oggi otto dicembre, non è ancora risolto; esso non riguarda solo l’accensione del riscaldamento, cosa che dovrebbe essere assolutamente normale nel 2016 in una scuola della Repubblica Italiana, tra i paesi più ricchi al mondo, ma anche la perenne mancanza di acqua calda.

La scuola ha provveduto più volte a segnalare all’Ente la situazione, ma stranamente non si riesce a riparare la caldaia. Anzi quando il giorno 6 u.s. una delegazione di genitori si è recata al Comune non solo non è stata ricevuta né dal Sindaco, né da un suo delegato, ma per di più è stata trattata con sufficienza dal personale degli uffici competenti.

Noi riteniamo che la scuola debba essere un priorità di qualsiasi amministrazione, riteniamo che la salute e la sicurezza dei bambini debbano essere una priorità del Sindaco, che è il massimo responsabile della salubrità sul proprio territorio, riteniamo che i nostri figli abbiano il diritto di frequentare una scuola che possa definirsi tale e riteniamo anche che sia nostro dovere farli frequentare nel quartiere dove vivono alle stesse condizioni in cui potrebbero frequentare in quartieri vicini o in comuni vicini. Le scuole oggi hanno laboratori, sale di lettura, sale di ascolto, palestre coperte e scoperte, ed altri spazi dedicati, noi ora chiediamo semplicemente una caldaia!

Ed ecco la nostra soluzione, semplice, immediata ed efficace: sostituzione della caldaia in danno al proprietario dell’immobile se questi non provvede nei prossimi due giorni. Chiediamo di trovare le aule regolarmente riscaldate alla riapertura del 12 dicembre, proponendo una soluzione efficace e rispettosa del codice civile. Se il Sindaco e l’Amministrazione hanno altre soluzioni facciano pure, ma risolvano definitivamente il problema. Circa centoventi bambini cittadini di Somma Vesuviana, propongono, per il tramite dei loro genitori, una soluzione di immediata attuazione e chiedono di frequentare la scuola riscaldata come previsto dalla legge.

Ci auguriamo che la nostra proposta, o anche una diversa decisa ed adottata da chi di dovere, possa portare alla risoluzione definitiva della questione e che la scuola possa finalmente diventare una priorità degli amministratori locali. La ringraziamo per lo spazio che vorrà dedicarci ed approfittiamo, prima di salutare, per rivolgere due domande all’amministrazione comunale, opposizioni comprese:

– quali sono gli effettivi tempi di consegna del plesso di Via Trentola e chi sono i responsabili del ritardo e che azioni sono state intraprese nei confronti degli stessi?
– anziché le splendide e “fosforescenti” strisce blu di via Aldo Moro e via Mercato Vecchio, appena rifatte, non si potevano fare strisce pedonali ad alta visibilità avanti a tutti i plessi scolastici cittadini?

La salutiamo cordialmente e Le chiediamo di poter aggiornare tra qualche giorno, sempre tramite il Suo giornale, i sommesi sullo sviluppo della questione.

Genitori di Rione Trieste

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti

Rubriche