lunedì 24 Giugno 2024
HomeFacimm Ammuin!A Sant'Anastasia torna la sagra del capretto

A Sant’Anastasia torna la sagra del capretto

SANT’ANASTASIA. A partire da stasera, sabato 1 dicembre, e fino a lunedì 3, tornano i sapori nostrani. In via Roma e piazza IV Novembre sarà, infatti, possibile degustare il piatto tipico della tradizione anastasiana ed altre specialità locali. Il programma stabilito per i tre giorni è ricco di appuntamenti. Parte, infatti, dalle 10,00 di sabato, con il gruppo folk “O’ triccaballacche”. Alle 18,00 è previsto l’accesso agli stand e alle 18,30 l’esibizione di scuole di danza: Dream dance, Paradise e l’esibizione di giovani del Centro G. Liguori. Il concerto di Fiorenza Calogero, alle 20,30 concluderà la serata. Il programma di domenica prevede alle 10,00 l’intervento di palestre, New Dinamic Center e Fitens Trybe, una manifestazione scacchistica dell’ADSA e, dalle 18,00 in poi, balli con Incantesimo Latino e il gruppo musicale Sud Express. Ginnastica artistica e balli Hip Hop vedono impegnati lo Sporting Center e il Nirvana Style alle 19,00 di lunedì. Chiude la serata il cabaret di Lino Barbieri, l’esibizione di Juan La Macchia e l’estrazione dei vincitori della lotteria collegata alla sagra. Nessuno, però, distolga l’attenzione dal fulcro della sagra: il capretto, il cui legame col territorio anastasiano risale alla fine dell’ottocento ed è rimasto nel tempo legato all’attività culinaria, ed economica, del paese.

Mina Spadaro

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche