martedì 27 Luglio 2021
HomePoliticaAcerra. Stoccaggio rifiuti, Tar conferma acquisizione sito Lenza Schiavone

Acerra. Stoccaggio rifiuti, Tar conferma acquisizione sito Lenza Schiavone

ACERRA. Il Comune vince contro la società Pellini Srl. Il Tar Campania conferma l’acquisizione a patrimonio comunale del sito di Lenza Schiavone. Nel 2017 l’intervento voluto dall’ Amministrazione Lettieri per la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti stoccati.

Il Tar Campania (seconda Sezione) ha respinto, dando ragione al Comune di Acerra, il ricorso presentato dalla società Pellini Srl contro l’Ordinanza comunale n.58 del novembre 2015 che acquisiva a patrimonio comunale dell’Ente le opere abusive e un’area pertinenziale in seguito all’inottemperanza di un’altra ordinanza di demolizione dei manufatti abusivi emanata sempre dal Comune di Acerra. La Società Pellini Srl, proprietaria del sito di stoccaggio di rifiuti in contrada Lenza-Schiavone utilizzato dall’Amministrazione comunale del 2001 e 2002, aveva fatto ricorso impugnando l’Ordinanza n.58 del novembre 2015 che, in seguito al mancato abbattimento disposto dal Comune di Acerra delle opere abusive, acquisiva a patrimonio comunale i manufatti che consistono in una massicciata in cemento armato, un prefabbricato e una vasca per lo scarico la raccolta e la regimentazione delle acque di percolato, oltre ad un’ulteriore area pertinenziale. Il ricorso presentato è stato respinto dalla seconda Sezione del Tar Campania per infondatezza, la società ricorrente è stata condannata a rifondere al Comune di Acerra anche le spese processuali. La rimozione e lo smaltimento dei rifiuti stoccati – operazioni ostacolate da alcuni comitati – nel sito di Lenza Schiavone di proprietà Pellini che ha ricevuto autorizzazioni comunali tra il 2001 e il 2002 per il trattamento dei rifiuti, si realizzarono solo nel 2017, su forte volontà dell’Amministrazione comunale del Sindaco Raffaele Lettieri, al termine di un lungo iter processuale iniziato sin dal primo insediamento nel 2012 con il coinvolgimento di tutti gli Enti preposti ad un tavolo tecnico, chiedendo il rispetto dell’accordo operativo sottoscritto nel 2009 e l’impegno finanziario dell’Unita Tecnico Amministrativa della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Contro quell’intervento di rimozione e smaltimento di rifiuti, che recuperava anni di inattività e ritardi, si schierarono anche alcuni esponenti politici di opposizione.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti