lunedì 20 Maggio 2024
HomeAppuntamentiAl Piccolo Bellini il celebre spettacolo: "Ranavuottoli (Le Sorellastre)"

Al Piccolo Bellini il celebre spettacolo: “Ranavuottoli (Le Sorellastre)”

NAPOLI. Piccolo Bellini, dal 14 al 19 maggio Ranavuottoli (Le Sorellastre) di Roberto Russo e Biagio Musella con Nunzia Schiano, Biagio Musella, Vincenzo Esposito e con la partecipazione in video di: Giovanni Esposito, Niko Mucci, Sergio Assisi, Claudia Puglia, scene Tonino Di Ronza musiche Niko Mucci e Luca Toller costumi Anna Zuccarinim regia Lello Serao produzione Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini in collaborazione con Teatri Associati di Napoli.

Dopo il grande successo della scorsa stagione, torna al Piccolo Bellini Ranavuottoli, l’originale spettacolo con cui Lello Serao ci offre un nuovo punto di vista sul mondo partendo dalla fiaba di Cenerentola ma leggendola non già dal consueto punto di vista della “vincente” Cinderella ma da quello delle due sconfitte: le Sorellastre. Nella fiaba, l’allampanata Anastasia e la tarchiata Genoveffa sono la quintessenza di una cattiveria che è pari soltanto alla loro bruttezza: sono brutte dentro e brutte fuori. Ma Roberto Russo e Biagio Musella ci insinuano il dubbio che la causa della loro sgradevolezza non sia meramente cromosomica, ma che sia conseguenza di un brutto vissuto, esibito come forma di protesta nei confronti di un mondo che ci pretende belli e vincenti. Con un registro squisitamente comico, Ranavuottoli si addentra nei meandri della psiche delle sorellastre, scandagliando il loro vissuto e le possibili ragioni del loro “mal di vivere” con ironia e leggerezza, utilizzando un linguaggio originalissimo che è una sorta di helzapoppin, una miscellanea in cui il registro fiabesco si fonde con quello comico grottesco.
Durata 70min.
SPETTACOLO FUORI ABBONAMENTO
Prezzi: 18€ intero, 15€ ridotto, 10€ Under29
Orari: feriali ore 21:15, domenica ore 18:30

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche