lunedì 20 Maggio 2024
HomeSanitàAl via a Napoli gli Stati generali della Sanità del Sud

Al via a Napoli gli Stati generali della Sanità del Sud

Napoli. Al via oggi a Napoli alle ore 14,30 gli stati generali della Sanità delle regioni del Sud con lo sguardo rivolto al governo della Salute in Italia.

I lavori si svolgono al Centro direzionale di Napoli presso la sala congressi dell’Holiday Inn.

 Pnrr, il nodo del sottofinanziamento del Ssn, governo clinico e sostenibilità dell’Innovazione i principali temi della due giorni della Winter School 2023 promossa da Motore Sanità col patrocinio istituzionale della Regione Campania e Puglia e il patrocinio scientifico di aziende sanitarie e Ordini professionali, Fiaso, Card, Io Raro, Donna Europa, Società scientifiche. Si parte oggi a partire dalle 14 per proseguire domani per tutta la giornata con sessioni e una tavola rotonda conclusiva di approfondimento di temi di attualità tra clinica e programmazione della salute a cui partecipano le Regione Campania, i direttori generali delle aziende sanitarie e ospedaliere, esponenti delle professioni e degli Ordini con in prima fila medici, infermieri e professioni sanitarie tecniche e dell’area della prevenzione e riabilitazione.

Ad aprire i lavori oggi Enrico Coscioni, presidente di Agenas, a cui faranno seguito le sessioni dedicate alle nuove tecnologie e ai nuovi modelli organizzativi in supporto agli obiettivi del Pnrr: Sotto la lente i criteri per gli in vestimenti tecnologici per una migliore governance dei processi.

Fitto il calendario delle sessioni: Il sottofinanziamento delle cure per la Salute in Italia, la sostenibilità dell’innovazione e la ricerca sui nuovi farmaci,  i nuovi trattamenti delle principali patologie croniche. E anora il Pnrr e gli investimenti dell’Ue per potenziare le cure di prossimità ancora privi di capitoli della spesa corrente per assumere il personale (medici, infermieri e tecnici) che servono per popolare le Case e gli Ospedali di Comunità. E poi le liste di attesa, le opportunità della digiltalizzazione e dell’intelligenza artificiale per una riforma complessiva della programmazione della Salute in Italia e in particolare nel Sud.

Al lavoro, nelle sessioni parallele, anche l’Osservatorio Innovazione di Motore Sanità con Claudio Zanon, direttore scientifico di Motore, Sanità,  Rossana Boldi, già Vice presidente XII Commissione (Affari Sociali) Camera dei Deputati, Walter Locatelli, Direzione dcientifica Motore Sanità, Enrico Rossi, già presidente Regione Toscana, Annamaria Parente, presidente Commissione Sanità Diciottesima Legislatura.

A chiudere la sessione di domani su Innovazione organizzativa, fondi Pnrr e criteri di spesa per territorio e ospedale che investe il ruolo dei direttori generali e le reti tra Regioni del Sud a cui partecipano i direttori generali di aziende sanitarie di Abruzzo, Basilicata, Campania, Molise, Puglia, Sicilia, Umbria. Tra gli altri Alessandro Caltagirone, direttore generale Asl Caltanissetta,Pierluigi Cosenza, direttore Generale Asr AbruzzoClaudio D’Amario, Direttore dipartimento Sanità Abruzzo, Antonio D’Amore, manager del Cardarelli, Luigi D’Angola, Direttore generale Asp Basilicata,Massimo De Fino, manager Usl Umbria 2,Fabrizio De Nicola, Direttore Generale Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi, CataniaLolita Gallo, Direttore generale Salute del MoliseMario Iervolino, manager Asl Napoli 2 NordMaurizio Lanza, Direttore generale Asp CataniaGiuseppe Longo, Direttore generale  policlinicoa Federico IIGiuseppe Russo, direttore Asl Napoli 3 Sud, Ferdinando Russo, direttore generale Azienda Ospedaliera Universitaria, Vanvitelli Antonio Sanguedolce, Direttore generale Asl Bari,Gennaro Sosto, manager Asl Salerno,Ciro Verdoliva, Direttore generale Asl Napoli 1 e Gennaro Volpe, presidente nazionale Card e Direttore generale Asl Benevento. 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche